Attualità

L’altra faccia del terremoto: la testimonianza di un volontario marsicano


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Questa la dichiarazione di un volontario marsicano nelle zone terremotate inviata alla redazione di Marsicanews:

“C’è tantissima gente che non sta facendo nulla, che aspetta ordini dai capi che non arrivano mai, che fa ore di fila per registrarsi per gli straordinari. Su migliaia di persone solo poche decine lavorano. Pensate che a Grisciano è arrivato un gruppo di vigili del fuoco da un paese vicino, dicendo che avevano iniziato a scavare ma trovavano solo morti e che quindi si poteva aspettare. Una cosa agghiacciante. Comunque anche cibo e vestiti li stanno buttando quindi lasciate perdere”.

“Non ho più parole, non riesco a spiegarmi il perché di certe cose! Burocrazia… ti parlano di burocrazia mentre la gente soffoca lì sotto e ti ritrovi a desiderare di indossare quella divisa che hai davanti agli occhi per poterti dare da fare dove serve davvero senza essere fermato, invece di farcire panini per gente incompetente che accampa scuse su scuse e va a fare la villeggiatura, oltre a farsi guerra in base al paese di provenienza e a chi prima è arrivato a piazzare la tenda. La rabbia è troppa”.

“Scusate lo sfogo, ma sappiate che per fortuna una decina di civili senza arte ne parte, ha fatto tremare tutte le organizzazioni presenti, nonostante i tentativi di boicottaggio e smantellamento, non abbiamo mollato. Questa è stata l’unica cosa che ci ha mandati avanti, cioè l’aver trovato al proprio fianco uno sconosciuto come te che non molla e non si ferma neanche se la terra trema. Ci stiamo organizzando per raggiungere con mezzi speciali i luoghi meno accessibili (quad e altro)”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top