Italia

L’Abruzzo sollecita il governo sugli ammortizzatori in deroga

In Abruzzo sono state presentate domande di cassa integrazione e mobilità in deroga che interessano oltre 11.000 lavoratori e che coinvolgono più di 1200 aziende, soprattutto piccole e medie imprese. Alle pratiche istruite fino al 30 giugno 2014 corrisponde una spesa di circa 55 milioni di euro, e tuttavia i mesi relativi al 2014 non hanno copertura finanziaria. Per quanto ci riguarda non possiamo permettere che a pagare il prezzo della crisi e delle incertezze del governo siano ancora una volta i lavoratori.
La gravità della situazione richiede dunque risposte immediate ed urgenti da parte del governo nazionale, per sollecitare il quale le organizzazioni sindacali hanno organizzato due giorni di presidio a Roma. In particolare la nostra regione parteciperà al presidio del 24 luglio e il giorno precedente
I tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Abruzzo (Di Cesare, Spina e Campo) terranno una conferenza stampa unitaria dove illustreranno nel dettaglio quanto accade in Abruzzo, il rischio di un’ondata di licenziamenti, quello di lasciare senza reddito migliaia di lavoratori e famiglie, e le iniziative che i sindacati metteranno in campo per chiedere al governo i provvedimenti necessari ad evitare gravi problemi sociali.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top