Altri articoli

“L’Abruzzo, la politica nei territori”, il libro di Di Pangrazio uno spunto per il futuro programma Pd

“L’Abruzzo: la politica nei territori” è il titolo di un volume a firma del consigliere regionale del Pd Giuseppe Di Pangrazio, presentato ieri presso la sala convegni ex Arssa di Avezzano.

Un libro che è un “resoconto”, come lo definisce lo stesso autore, del lavoro politico sul territorio regionale nel corso degli ultimi 5 anni. «Che “mette a nudo” il consigliere regionale – lo definisce lo stesso Di Pangrazio – e che rappresenta una “testimonianza”, che rimarrà agli atti. Al suo interno ci sono le iniziative che il gruppo del Pd ha fatto, in un momento oscuro della Regione e punta a mettere in luce, ciò che è stato in ombra in questi anni».

Insomma, un libro che, in realtà, è uno “spunto” di riflessione, in vista della realizzazione di un Programma di Governo Regionale.

Apre l’incontro Giuseppe Cristofaro, docente di psicologia all’Università de L’Aquila, che punta subito a sottolineare come si tratti di un vero e proprio testo politico che mette bene in evidenza il lavoro fatto dal consigliere, a tempo pieno, in questi 5 anni. Nel ricordare poi il passato politico di Di Pangrazio, Cristofaro mette l’accento sul valore di “consigliere di Opposizione”, ricoperto da Di Pangrazio all’interno della Regione Abruzzo: «Per alcuni è considerato un ruolo secondario – chiosa – invece non è così. Non è un lavoro di secondo ordine: stare all’Opposizione vuol dire dare un contributo fattivo nei diversi ambiti».

Il docente poi ha ricordato come Di Pangrazio intenda l’area marsicana: «Ogni comune nella Marsica deve mantenere la sua identità, ma in una prospettiva più vasta di “città-territorio”, che raggruppa tutti. E anche il concetto di “Macroregione” va nella stessa direzione: vale a dire l’importanza di creare una sinergia tra più regioni per uscire dall’isolamento».

Il sindaco di Avezzano, Gianni Di Pangrazio, dopo aver salutato gli intervenuti, ha dato rilievo all’importanza di un lavoro all’unisono tra tutti gli amministratori locali, anche attraverso riunioni periodiche – dette “adunanze” – ad hoc. Ha poi rimarcato la necessità di fare le riforme, di puntare alla “Macroregione”, di favorire una sinergia tra gli organi legislativi e gli enti locali. «La sfida del futuro – ha evidenziato il primo cittadino – deve essere rinnovamento e impegno».

Più pungente, invece, è stato l’intervento della senatrice Pd Stefania Pezzopane che ha rimarcato alcuni ambiti, come quello della cultura o della sanità, trascurati in questi anni dalla politica regionale. «Un vuoto totale della Regione – osserva – come un handicap. Ma il lavoro fatto e la testardaggine, che ci ha spronato, hanno ancora più valore. Ora incalzeremo Renzi perché si interessi del nostro Abruzzo e lo faremo tutti insieme, perché siamo una “squadra” e dobbiamo farla forte e audace».

Luciano D’Alfonso, candidato alla presidenza della Regione Abruzzo, nel mettere in risalto il “metodo”, con cui è stato realizzato il libro, ha colto l’occasione per illustrare le prossime strategie di governo.

«Apprezzo questo metodo, perché è quello della “rendicontazione”. Il valore del lavoro di Di Pangrazio è che non ha trascurato nulla di ciò che è accaduto sul territorio. Questa regione non può permettersi il lusso della distrazione perché non è più la regione di 25 anni fa. Ora è un soggetto dell’ordinamento che può legiferare, anche in materia bancaria. Nei prossimi 1800 giorni faremo una serie di riforme e di modifiche e sarà importante dare il via ad una sorta di “recall” da parte dei cittadini, verso la classe dirigente. E la rendicontazione ristabilisce un patto tra ciò che si promette ai cittadini e ciò che si fa realmente».

Roberto Donatelli, presidente di Confcommercio L’Aquila e Pino Arlacchi, eurodeputato, infine, hanno messo l’accento sulla difficile realtà che stanno affrontando le imprese – soprattutto quelle piccole con pochi addetti – i commercianti e gli artigiani, come mai era accaduto in passato.

 

1 Comment

1 Comment

  1. Giulio Montagliani

    Giulio Montagliani

    8 marzo 2014 at 10:18

    Di Pangrazio ancora aspettiamo tue notizie x il caso Pittini se il futuro del PD e come il futuro del nostro complesso industriale sito di Celano be auguri . fumati un altro sigaro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top