Attualità

La Regione Abruzzo approva le misure di conservazione sito specifiche del SIC “Parco Nazionale D’Abruzzo”

Abruzzo – La Regione Abruzzo con delibera di Giunta n 478 del 5 luglio 2018 ha approvato le misure di conservazione del Sito d’Importanza Comunitaria (SIC) IT 7110205 “Parco Nazionale d’Abruzzo”. Si tratta del SIC più grande della Regione Abruzzo, esteso 58.880 ettari,  per il 50% ricompreso nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e interessa 20 comuni: Alfedena, Balsorano, Barrea, Bisegna, Civita D’Antino, Civitella Alfedena, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Opi, Ortucchio, Pescasseroli, Rocca Pia, San Vincenzo Valle Roveto, Scanno, Scontrone, Trasacco, Villalago, Villavallelonga, Villetta Barrea.

Il SIC Parco Nazionale d’Abruzzo ha un’importanza cruciale per la conservazione di habitat e specie anche perché insiste su gran parte dell’area di protezione esterna del Parco e ricomprende territori come Monte Greco, meritevoli di maggior tutela, oltre ad essere fondamentali per l’espansione di una specie unica come l’orso bruno marsicano. Nel territorio del SIC, grazie soprattutto agli ambienti forestali di elevata qualità, vivono, accanto alle specie più note e simboliche (Orso, Lupo, Camoscio, Aquila), migliaia di specie: pesci e crostacei di acqua dolce, anfibi, rettili, uccelli, chirotteri e insetti.

Con le misure di conservazione vengono definiti obiettivi di conservazione, divieti, obblighi e indicazioni gestionali per fare in modo che habitat e specie vengano conservate e accresciute, così come è indicato negli obiettivi della direttiva europea. Le misure di conservazione sito-specifiche integrano le misure generali di conservazione approvate dalla Regione nel dicembre 2016 e costituiscono un passaggio essenziale per la trasformazione dei SIC in  Zone Speciali di Conservazione. La mancata designazione delle ZSC ha portato la Commissione europea ad aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia in quanto la direttiva Europea prevede che entro 6 anni dalla definizione dei SIC bisogna procedere alla loro trasformazione in ZSC.

Il consiglio direttivo del Parco, che è anche Ente gestore del SIC, che per il 50% ricompreso nel territorio dell’area protetta, ha approvato le misure di conservazione nella seduta del 9 dicembre 2017 al termine di un percorso di elaborazione e concertazione, avvenuto d’intesa con l’Ufficio Parchi della Regione Abruzzo. Le misure di conservazione hanno ricevuto anche la condivisione del Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, Reparto di Castel di Sangro, in quanto Ente gestore delle Riserve Naturali Statali di Feudo Intramonti, Colle Licco e Pantaniello. Con la delibera della Regione Abruzzo vengono fissate regole sulla gestione dei SIC, che consentono di sopperire alla mancata approvazione dei Piani di gestione elaborati dagli Enti gestori già da qualche anno.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top