Connect with us

Abruzzo

La musicoterapia e le sue possibilità di applicazione in ambito clinico, pedagogico e riabilitativo

Pubblicato

on

L’ill.mo Prof. Gabriele Gaudieri dell’Università dell’Aquila, ha organizzato, per Venerdì 27 Febbraio, presso il Dipartimento MESVA(MEDICINA,SANITA’ PUBBLICA,SCIENZE DELLA VITA),un interessante convegno dal titolo:” La musicoterapia e le sue possibilità di applicazione in ambito clinico, pedagogico e riabilitativo”. I lavori inizieranno alle ore 09:00 e termineranno alle 18:30 con l’esibizione del gruppo musicale dei Drum Circle. Interverranno i seguenti relatori: Prof.ssa. Stefania Gianni:” La musicoterapia: definizione, metodologia e ambiti di intervento”; Prof.ssa. Natalia Tiburzi: “Intervento di musicoterapia in pazienti con ritardo mentale e comportamenti psichiatrici”; Prof.ssa.Marina Mariani, Prof.ssa.Flavia Romano, Prof.ssa.Antonella Zenga: “Musicoterapia e campi di esperienza: la musicoterapia benenzoniana in contesto pedagogico”; Prof.ssa.Marina Mariani, Prof.ssa.Antonella Zenga: “La musicoterapia nella scuola: descrizione di un intervento in una scuola di L’Aquila”; Prof.ssa.Barbara Filippi: “L’altra orchestra: gli strumenti musicali in musicoterapia”. Nella tarda mattinata , sono previste due importanti relazioni della Prof.ssa .Roncone dal titolo: “Musicoterapia e obiettivi e progetti individualizzati nei trattamenti a lungo termine in psichiatria” e del Prof. Massimo Casacchia con: “Il contributo della musicoterapia nel percorso della recovery nella malattia mentale”.La Musicoterapia, intesa come metodologia di intervento per un lavoro pedagogico o psicologico, permette di comunicare, con l’aiuto del terapeuta, attraverso un codice alternativo rispetto a quello verbale partendo dal principio dell’ISO (identità sonora individuale) che utilizza il suono, la musica, il movimento per aprire canali di comunicazione ed una finestra nel mondo interno dell’individuo. Dal punto di vista terapeutico essa diviene attiva stimolazione multisensoriale, relazionale, emozionale e cognitiva, impiegata in diverse problematiche come prevenzione, riabilitazione e sostegno al fine di ottenere una maggiore integrazione sul piano intrapersonale ed interpersonale, un migliore equilibrio e armonia psico-fisica. In tutte le culture dell’antichità musica e medicina erano praticamente una cosa sola. Il sacerdote medico (lo sciamano) sapeva che il mondo è costituito secondo principi musicali, che la vita del cosmo, ma anche quella dell’uomo, è dominata dal ritmo e dall’armonia. Sapeva che la musica ha un potere incantatorio sulla parte irrazionale, che procura benessere e che nei casi di malattia può ricostituire l’armonia perduta. La Musicoterapia si basa tre principi: ISO, che caratterizza l’identità sonora di un individuo; suono inteso come oggetto intermediario, cioè come strumento di comunicazione in grado di agire terapeuticamente sul paziente e suono come oggetto Integratore, in grado di integrare le dinamiche di comunicazione in un gruppo uniformandole. Il trattamento di musicoterapia è strutturato in incontri settimanali a seconda delle esigenze del paziente. Le sedute possono essere: individuali o di gruppo della durata di circa 60 minuti ognuno; in alcuni patologie, come ad esempio nella malattia di Alzheimer, sono consigliati tempi di partecipazione molto più brevi. l presupposto principale consiste nell’accettazione incondizionata del paziente. Qualunque atteggiamento o comportamento ha un suo motivo di essere. La lettura della diagnosi e di dati anamnestici non influenzano il modo di porsi del professionista.Il paziente, sia esso bambino, ragazzo, adulto va accolto così come si presenta. Dal primo attimo del primo incontro inizia una storia in musicoterapia che porterà verso eventi che nessuno può conoscere. Il superamento del giudizio (epokè) è un modo di vivere e rapportarsi con la realtà, che il professionista riesce a fare proprio attraverso il percorso formativo.Come scrisse Edith Stein, rapportarsi con una persona è porsi in relazione con ciò che si vede, si sente, si può toccare, ossia con la corporeità propria in relazione con la corporeità dell’altra persona. “Soggetto dell’empatia […] è il noi […] Una singola azione ed altrettanto una singola espressione – uno sguardo o un sorriso – possono perciò offrirmi la possibilità di gettarmi nel nucleo della persona” Edith Stein Il problema dell’empatia ed. Studium, Roma, 1998.Noi siamo corpo e tutto accade all’interno del corpo (emozioni, sentimenti, desideri, tensioni, irrigidimenti emotivi che si manifestano nella muscolatura, nella postura, negli sguardi, nei cambi di intonazione della voce, nei gesti, nei movimenti, in scatti improvvisi ecc). Husserl parla del Körper (il corpo fisiologico, anatomico), del Leib (il corpo che si emoziona), dello Schema Corporeo (il corpo che assume posizioni diverse negli ambienti), del “corpo vivente linguistico” (“il linguaggio è già in un contatto originario con la cosa e per questo può fare quello che fa: nominarla”) Carlo Sini Idoli della conoscenza); in musicoterapia umanistica è il Corpo vibrante, il luogo e il tempo del percepire il mondo circostante, le persone presenti, se stesso.Il Corpo Vibrante è l’esempio utile all’uomo per prolungare se stesso mediante la costruzione degli strumenti musicali. La musica è così dentro all’uomo (la Prima Orchestra, il Corpo Vibrante) da essere costantemente riproposta e ricreata in ogni tempo (la storia delle popolazioni) e luogo (la geografia).In musicoterapia il “fare musica” è ciò che consente un dialogo fatto di movimento, gesti, posture, sguardi, parole, ordine ritmico del numero. Il suono è, per sua natura, relazione perché per essere tale c’è il mondo ed il percepire il mondo. La P.N.L. esprime lo stesso concetto nella frase: “la mappa non è il territorio”, ad indicare la soggettività, la particolarità, la limitatezza di ogni percepire. Inizia il percorso in musicoterapia in quanto apertura verso il mondo, verso gli altri, verso l’apprezzamento di se stesso.Il paziente, sia esso bambino, ragazzo, adulto, è il protagonista della sua storia e delle esperienze che accadranno in musicoterapia. Attraverso lo sperimentare si verificheranno i cambiamenti interiori che caratterizzano l’efficacia di un agire terapeutico.(di Newsmaker)

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Abruzzo

Turisti d’inverno nei parchi d’Abruzzo, arriva il “Pullman dei Parchi”

Pubblicato

on

Pescasseroli – Domani sabato 17 novembre, alle ore 10.30, nella sede del PNALM a Pescasseroli, è convocata una conferenza stampa per illustrare i dettagli dell’iniziativa dei “Pullman dei Parchi” per la stagione turistica invernale. La corsa sperimentale di collegamento diretto Roma – PNALM, con prosecuzione verso alcuni centri del Parco Nazionale della Majella, è stata accolta con favore dal mercato e i dati registrati nel periodo estivo hanno rilevato una costante crescita dei fruitori del servizio, fino ad esaurire i posti disponibili in alcune giornate. “Tenuto conto di questi risultati, di concerto con Abruzzobus – Sangritana S.p.A, vi è la volontà di garantire continuità a questa corsa anche per la stagione turistica invernale, al fine di elevare la qualità di accesso alle offerte turistiche di questi territori, che rappresentano un prezioso patrimonio per l’intero Abruzzo” spiega il consigliere delegato ai trasporti Maurizio Di Nicola. Alla conferenza stampa prenderanno parte il  Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, il consigliere delegato ai trasporti, Maurizio Di Nicola, il Presidente della Comunità del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, Antonio Di Santo, e l’Amministratore Unico di Abruzzobus – Sangritana S.p.A, Pasquale di Nardo. Sono stati invitati a partecipare i sindaci dei comuni di Celano, Pescina, Ortona dei Marsi, Bisegna Gioia dei Marsi, Pescasseroli, Opi, Villetta Barrea, Scanno, Civitella Alfedena, Barrea, Alfedena, Scontrone, Castel Di Sangro, Roccaraso, Rivisondoli, Pescocostanzo, il Presidente del Parco Nazionale della Majella e  il Commissario del Parco Regionale Sirente-Velino.

Continua a leggere

Abruzzo

Piano neve e lotta al dissesto idrogeologico, Di Nicola deposita la legge

Pubblicato

on

Regione – Il consigliere regionale Maurizio Di Nicola ha depositatati la Legge Piano neve e lotta al dissesto idrogeologico. “Tenuto conto dell’orografia della nostra regione e l’intensificarsi dei fenomeni nevosi negli ultimi anni, ho depositato un progetto di Legge per assicurare un supporto finanziario alle Province abruzzesi per l’attuazione del piano neve, con lo scopo di contribuire a mitigare i rischi connessi a questi fenomeni metereologici sempre più estremi – ha dichiarato Di Nicola – Non abbiamo mai fatto mancare il nostro sostegno alle Province. Dal 2014, infatti, la Regione ha già erogato in favore delle Province € 1,6 mln, a cui spero potranno aggiungersi quelli relativi a questo provvedimento per l’annualità 2018/2019, avente una dotazione finanziaria di € 400.000,00. Accanto a ciò – continua – nella proposta di Legge che verrà esaminata nelle prossime commissioni, in qualità di Presidente della Commissione Bilancio, ho inserito anche l’autorizzazione alla spesa di oltre € 1,7 mln per fronteggiare i fenomeni di dissesto presenti in Abruzzo e, in particolar modo, per offrire una risposta alle tante richieste d’intervento acquisite dal Dipartimento. Auspico conclude –  che, almeno su questi temi d’interesse generale e assolutamente urgenti, non prevalga la contrapposizione di parte, così come avvenuto quest’oggi, e che il Consiglio regionale d’Abruzzo, con votazione unanime, approvi questa proposta di Legge“.

 

Continua a leggere

Abruzzo

L’ambasciatore russo presso la Santa Sede all’Emiciclo per l’inaugurazione della mostra “Il ritratto di San Pietroburgo

Pubblicato

on

Regione – L’ambasciatore della Federazione Russa presso la Santa Sede, Alexander Avdeev, ha incontrato questa mattina il Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, in occasione dell’inaugurazione della mostra fotografica “Il ritratto di San Pietroburgo”. L’iniziativa, promossa dall’associazione “Il ritratto di San Pietroburgo”. e dall’Assemblea regionale con il patrocinio di Comune e Provincia dell’Aquila, è stata lo spunto per ricordare l’aiuto che i russi hanno offerto al capoluogo abruzzese a seguito del sisma del 2009 e dare impulso a nuovi scambi di tipo culturale. “Questa mostra – ha dichiarato Di Pangrazio da continuità al percorso di collaborazione tra Abruzzo e Federazione Russa.  Non dimentichiamo la grande solidarietà dimostrata all’indomani del terremoto attraverso un prezioso sostegno per il restauro di Palazzo Ardinghelli e della Chiesa di San Gregorio Magno all’Aquila. Oggi continuiamo a costruire relazioni solide attraverso lo scambio culturale con particolare riferimento alla musica e all’arte espressiva”. Il fotografo russo Anton Ovcharov, autore degli scatti di San Pietroburgo insieme al collega Serghej Bogomiako, ha inaugurato l’esposizione affianco al Presidente Di Pangrazio, al sindaco Biondi e al questore dell’Aquila D’Anna. “Queste foto – ha detto l’ambasciatore Avdeev mostrano le bellezze di San Pietroburgo e non è difficile notare nell’architettura di alcuni luoghi lo stile italiano. Mosca e San Pietroburgo, infatti, devono molto ad architetti italiani che hanno contribuito con la loro opera a fare da ponte tra le nostre culture”. Gli scatti resteranno esposti nella navata di Palazzo dell’Emiciclo da oggi fino al 10 dicembre 2018.

Continua a leggere

Abruzzo

Incontro sulle Zone Economiche Speciali, Di Pangrazio invita le rappresentanze sociali e istituzionali

Pubblicato

on

Regione – Il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, annunciando l’incontro convocato congiuntamente con il Vicepresidente della Regione Abruzzo Giovanni Lolli  venerdì 16 novembre 2018 alle ore 17.30 presso la sala conferenze di Palazzo Torlonia ad Avezzano per illustrare la strategia relativa alle Zone Economiche Speciali nelle aree interne dell’Abruzzo, invita tutte le rappresentanze istituzionali, economiche, sociali e del mondo del lavoro alla massima partecipazione per dare un loro fondamentale contributo di competenza alla definizione delle normative e degli accordi strategici delle ZES in Abruzzo. Nelle  Zone Economiche Speciali previste nella Regione Abruzzo saranno incluse le aree industriali di Sulmona e Pratola Peligna, di Avezzano con il Centro Intermodale di Smistamento Merci della Marsica, della Piana del Cavaliere. L’individuazione, da parte della Regione Abruzzo, delle Zone Economiche Speciali ha incluso le aree interne, individuandole lungo il corridoio trasportistico che collega i porti abruzzesi di Ortona e Vasto con gli interporti e con i porti di Ancona e Civitavecchia. La presenza delle ZES, diffusa ed integrata strategicamente nelle aree interne, determinerà un elemento normativo e fiscale molto importante per l’attrazione degli investimenti e l’insediamento di nuovi siti produttivi. Le ZES d’Abruzzo hanno la particolarità di essere a confine con le due Zone a Logistica Semplificata ZES presenti rispettivamente nella Regione Lazio e nella Regione Marche. Le possibilità e le opportunità di accordi integrati con le due Regioni, l’appartenenza all’Autorità Portuale di Ancona e lo sviluppo dei progetti di raccordo già elaborati con il Porto di Civitavecchia per costruire il Corridoio Tirreno Adriatico, fanno intravedere importanti scenari economici futuri. “La strategia proposta – dichiara il Presidente Di Pangrazioesalta la funzione connettiva e di raccordo economico-produttivo dei siti industriali dell’Abruzzo e delle sue aree interne, con la funzione strategica determinante del Centro Intermodale di Smistamento delle Merci della Marsica, nella connessione Tirreno-Adriatico, attraverso i vettori autostradali, viari e ferroviari verso Pescara-Vasto-Roma-Civitavecchia e verso Napoli-(Rieti-Terni)- Ancona. E’ per questi fondamentali obiettivi – raccomanda infine il Presidente – che chiedo la massima partecipazione all’incontro, domani ad Avezzano, di tutte le forze produttive e del lavoro, dei Sindaci ed delle rappresentanze istituzionali dei nostri territori interni. Dobbiamo cogliere insieme questa grande opportunità e lavorare uniti perché si possa promuovere un forte attrattore economico per lo sviluppo delle nostre economie e del lavoro nei territori dell’Abruzzo interno.”

Continua a leggere

Abruzzo

No Anagnina, Di Nicola: la Raggi risponda e ci incontri o ricorreremo al Tar

Pubblicato

on

Regione “Attendiamo dalla Sindaca di Roma la risposta alla richiesta di incontro Istituzionale formalizzata oltre dieci giorni fa”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale, Maurizio Di Nicola, in prima fila nella difesa del terminal bus della stazione Tiburtina che la giunta Raggi vuole spostare ad Anagnina arrecando gravi disagi a pendolari e viaggiatori che arrivano dall’Abruzzo. “Se ciò non avvenisse – continua Di Nicola – non escludiamo nessuna strada: neppure quella di dare mandato all’Avvocatura regionale per studiare il ricorso al TAR per difendere l’interesse dell’Abruzzo e degli abruzzesi”.
Il consigliere regionale con delega ai trasporti aveva preso parte, unitamente alle istituzioni abruzzesi, alla manifestazione di protesta “No Anagnina” che si è svolta lo scorso lunedì nel piazzale antistante la stazione Tiburtina.
Nei giorni scorsi Di Nicola aveva anche dichiarato di essere pronto a rivedere la posizione della Regione Abruzzo in merito all’aiuto fornito a Roma sulla questione dell’emergenza rifiuti paventando, di fatto, un incidente diplomatico. “La nostra Regione non si è mai sottratta dal fornire leale collaborazione Istituzionale al Comune di Roma. Se non vi saranno ripensamenti, sarò costretto a rivedere la posizione politica del mio Gruppo rispetto alla disponibilità ad accogliere i rifiuti proveniente da Roma negli impianti di trattamento presenti sul mio territorio. Ci siamo francamente stancati di essere forti e gentili con chi non apprezza questa nostra caratteristica”.

Continua a leggere

Abruzzo

Di Pangrazio riceve all’Emiciclo l’ambasciatore russo della Santa Sede

Pubblicato

on

Regione – L’Ambasciatore della Federazione Russa presso la Santa Sede, Alexander Avdeev sarà ricevuto, giovedì 15 novembre alle ore 10.30 a Palazzo dell’Emiciclo, dal Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, in occasione della mostra “Il Ritratto di San Pietroburgo”. L’inaugurazione delle opere fotografiche curate da Anton Ovcharov e Serghej Bogomiako è prevista per le ore 11.00 e resteranno esposte nella navata di Palazzo dell’Emiciclo dal 15 novembre fino al 10 dicembre 2018. L’evento è organizzato dall’associazione “L’Aquila Siamo Noi” con la compartecipazione della Presidenza del Consiglio regionale dell’Abruzzo e il patrocinio del Comune dell’Aquila e della Provincia dell’Aquila.

Continua a leggere

Abruzzo

Zingaretti ad Avezzano: rilanciare il Pd attraverso una nuova missione democratica

Pubblicato

on

Avezzano – La città di Avezzano ha accolto Nicola Zingaretti. L’incontro si è svolto ieri sera alla Residenza dei Marsi. Il governatore della Regione Lazio ha deciso di candidarsi a segretario del Partito Democratico lanciando l’iniziativa Piazza Grande per tornare nelle piazze e tra la gente. Nella sua tappa abruzzese, Zingaretti ha incontrato le città di Pescara e Pineto per giungere in serata ad Avezzano. In sala erano presenti gli esponenti marsicani del Partito Democratico che hanno deciso di sostenere la candidatura di Zingaretti: il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, l’assessore Lorenzo Berardinetti, il segretario del circolo Pd di Avezzano Giovanni Ceglie, il segretario provinciale Francesco Piacente. Presenti tra gli altri anche Mario Mazzetti, Michele Fina, Lorenza Patrizia Panei, Anna Paolini delle donne democratiche delle Marsica e Antonio De Crescentiis.

“E’ tempo di tornare a confrontarci e a discutere – ha esordito Zingaretti rivolgendosi alla platea – in democrazia si perde e si vince, cadere è quasi normale, ma l’importante è rialzarsi. Rifiutiamo l’ipotesi guidazionista e minimalista – continua – l’ipotesi giusta è produrre un cambiamento nel rapporto tra noi e l’Italia”. Queste le parole del candidato alla segreteria del Pd per risollevare le sorti del partito uscito pesantemente sconfitto dalla elezioni del 4 marzo scorso. Zingaretti non risparmia critiche agli avversari e dichiara “Il problema non sono le idee gravi di Salvini e Di Maio, ma il perché la gente li ha scelti e continua a sostenerli. Occorre una risposta per capire come il Pd possa fare per tornare ad essere l’alternativa. La democrazia – aggiunge – sta tra il fomento popolare e l’incapacità di realizzare quanto promesso da questo governo agli italiani”. “Dobbiamo ammettere che abbiamo perso voti quando in Italia crescevano le diseguaglianze sociali che hanno dato alla rabbia uno sbocco politico. Lo scopo è quello di cercare un nuovo modello economico e sociale in Italia senza escludere l’Europa, ma renderla migliore”. “Il Pd – conclude Zingaretti – è un movimento che si rimette in discussione attraverso una riorganizzazione della democrazia che parte dai territori. La nostra è una missione democratica di costruzione e rafforzamento per cambiare la piattaforma economica e sociale e ritrovare un’identità, l’empatia, la giustizia e l’Europa”.

Presente il sala anche l’ex ministro delle giustizia Andrea Orlando. “La gente non ci ha votato per quello che abbiamo fatto e anche per quello he non abbiamo fatto. Io non do la colpa al fuoco amico – afferma Orlando – la nostra sconfitta è dentro la sconfitta di tutta la sinistra occidentale. La democrazia – ha concluso – non è votare ogni 5 anni, ma fare in modo che gli ultimi si sentano inclusi nelle scelte della politica”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com