Italia

La Lega prepara la marcia su Roma

Turisti evacuati, accesso consentito ai soli giornalisti più insistenti. Piazza del Campidoglio è blindata per Matteo Salvini: più poliziotti in campo ieri, che leghisti da proteggere. La maglia d’ordinanza è “Renzi a casa!”: il leader del Carroccio ha presentato l’iniziativa del 28 febbraio proprio sotto gli uffici del Comune di Roma, dove ha contestato anche la giunta Marino. «Piazza del Popolo – sottolinea il segretario leghista – sarà riempita da persone tranquille: bimbi, famiglie, esodati, operai, gente che vuole un’Italia e un’Europa diversa rispetto a quella prospettata da Gianni e Pinotto», alias Renzi e Alfano. A chi gli chiede, però, dell’alleanza di comodo con i nazionalisti e neofascisti di Casapound, Salvini risponde scocciato: «Cheppalle!». E dire che il sindaco di Verona Flavio Tosi lo aveva avvisato un paio di giorni fa: «La Lega è sempre stata trasversale, non ci si può connotare come troppo di destra se si vuole rappresentare il centro-destra». Sullo sfondo, ovviamente, la querelle Zaia-Tosi per la candidatura alla regione Veneto. A cui Salvini continua a rispondere: «Chiunque mette in discussione Zaia è fuori dalla Lega Nord». I veneti della Liga, però, lamentano un’ingerenza troppo lombarda nelle questioni “serenissime”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top