Sport

La crisi del Paterno, Iodice: “Siamo forti, serve convinzione”

Altra battuta d’arresto per il Paterno di Fabio Iodice, fermato per 1-0 a Teramo nel turno infrasettimanale di ieri. Risultato in linea con l’altalena tracciata dai nerazzurri  in questo avvio di stagione. Non gira nel verso giusto la ruota della sorte per il tecnico ex Civitella Roveto e Canistro, amareggiato per i tre punti persi più che per la prestazione. Si semina tanto per raccogliere poco o nulla, concetto semplice che, però, rischia di divenire una brutta abitudine, figlia, a detta sua, di un acciacco mentale collettivo, più che di un problema tecnico.

“Difficile, se non impossibile, raggiungere la perfezione tattica sul campo – ha spiegato Iodice – la mia però è una squadra che gioca bene, non vedo grandi problemi. La difficoltà reale in questo momento è nella testa. Faccio fatica anch’io a capire cosa possa scattare nell’atteggiamento dei ragazzi, ieri ad esempio abbiamo avuto almeno quattro occasioni nitide davanti allo specchio, ma non siamo riusciti a finalizzare. Al contrario, al primo episodio contro, abbiamo subito lo svantaggio. Troviamo difficoltà nei calci piazzati e non a caso, a differenza dell’anticipo di sabato, ho disposto una marcatura a uomo, ma siamo andati in crisi lo stesso. C’è sicuramente da lavorare da questo punto di vista, ma ripeto, vedo un problema mentale collettivo”.

Difficile ricercare la causa alla base di una mentalità, è pur vero che il Paterno è la prima candidata alla vittoria finale, specie alla luce dei due sfortunati finali di stagione che fatica a lasciarsi alle spalle, e questo rischia di appesantire la pressione sulla carica emotiva della squadra.

“La società non ci fa mancare nulla – ha continuato il tecnico – e mai ci ha fatto sentire la pressione in occasione delle partite. Inevitabilmente però i ragazzi sono consapevoli delle attese nei nostri confronti. Continuo a ripetere che dobbiamo stare tranquilli, una squadra come la nostra, che gioca bene, prima o poi riuscirà ad uscire da questo momento. C’è anche da dire che abbiamo cambiato almeno il settanta per cento degli uomini rispetto allo scorso anno, e dobbiamo ancora affiatarci. Ad eccezione della ripresa col Martinsicuro ho sempre visto i miei reggere la gara alla grande, nessuno è riuscito a metterci sotto dal punto di vista del gioco”.

Tra tre giorni si tornerà di nuovo a calcare il prato del Dei Marsi per il quinto turno d’andata, stavolta sul cammino del Paterno il Miglianico di Mario D’Ambrosio.

“L’assenza di Vitale, espulso ieri, mi rammarica un po’. Per la prima volta in stagione avrei avuto la rosa al completo, non dimentichiamo infatti che ci portiamo dietro le squalifiche dello scorso campionato. Di sicuro confermerò il modulo delle uscite precedenti, pur con qualche ricambio in mezzo al campo. Sarà la terza partita in otto giorni, qualcuno dei ragazzi ha bisogno di rifiatare. Continuiamo a fare il nostro gioco – ha concluso Iodice – siamo forti, infilare qualche risultato positivo per noi vorrebbe dire ritrovare la giusta convinzione”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top