Altri articoli

La Cisl favorevole alla riforma dei consorzi industriali

La CISL e la CISL FP, da sempre favorevole ad una riforma dei consorzi industriali, che consenta al territorio abruzzese di essere attrattivo per l’insediamento di nuove aziende, riconosce all’Assessore Castiglione il merito di aver portato avanti con caparbietà questo progetto di riforma.

Gli ostacoli che si sono frapposti a questo precorso sono stati innumerevoli, in quanto il processo di riforma metteva in discussione assetti e strutture consolidate sul territorio abruzzese, che non avevano alcun coordinamento regionale, rendendo alcuni territori più appetibili rispetto ad altri.

La riforma dovrebbe avere come obiettivo fondamentale quello di erogare su tutto il territorio regionale servizi e supporti alle aziende, ciò che oggi è stato fatto solo parzialmente da alcuni Consorzi, con la gestione diretta o indiretta.

Sulla riforma rimangono ancora molte perplessità rispetto alla costituzione del capitale sociale della nuova Agenzia regionale e soprattutto sia lo statuto e sia le modifiche apportate alla Legge regionale del 29 luglio 2011 n.23, non fanno chiarezza in maniera netta rispetto alle competenze tra ARAP e ACA, lasciando irrisolti antichi contenziosi tra gli Enti.

La CISL e la CISL funzione Pubblica chiede all’Assessore Castiglione un tavolo di confronto aperto a tutte le parti sociali per sciogliere tutti quei nodi di natura normativa e gestionale che potrebbero ipotecare fortemente il decollo del nuovo soggetto regionale preposto allo sviluppo industriale dell’Abruzzo.

Ci lasciano perplessi, inoltre, le indicazioni rispetto al capitale sociale della nuova Agenzia che, a parere di questa Organizzazione sindacale, non può essere la sommatoria del capitale sociale dei vari Consorzi, in quanto la sommatoria di più debolezze, finanziarie e strutturali, fatta eccezione per alcuni, sarebbe di pregiudizio al decollo della nuova Agenzia.

Auspichiamo l’apertura di un tavolo tecnico politico per affrontare queste problematiche per evitare partenze fortemente ipotecate.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top