Altri articoli

Judo no-stop con 120 partecipanti

Centoventi partecipanti, tutti giovanissimi di età compresa tra gli otto e i dodici anni e provenienti da tutte le province dell’Abruzzo (con una numerosa delegazione pescarese) hanno dato vita ad Avezzano ad una delle gare più particolari ed esclusive del judo regionale. Cinque ore di incontri, tra le 14,30 e le 19, su tre tatami (il luogo fisico dove si svolgono le gare di judo) con arbitraggi regolarissimi e giudici di gara inviati dalla FijlkamAbruzzo (almeno dieci in tutto), la federazione che fa capo al Coni .

Tra i piccoli partecipanti sostenuti da un nutrito stuolo di genitori, amici e parenti (almeno 400, 500 persone presenti ai bordi nell’ampio Palawinner Team di Avezzano) certamente ci saranno i futuri campioni olimpici di domani visto che questo sport prende sempre più campo nei Giochi. Una manifetazione riuscitissima, frutto di uno sforzo organizzativo eccezionale portato avanti dal vicepresidente di settore, l’ingegner Lidio Falcone, con il contributo dei dirigenti regionali e che vede ad Avezzano uno dei luoghi di raduno più attrezzati dal punto di vista logistico per queste iniziative e che propone ad ospitare anche raduni nazionali di federazione (si candiderà certamente ad ospitare la Nazionale italiana di judo).

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top