Italia

Jobs Act, è stretta sul reintegro

Si stringono i tempi per il sostanziale addio all’articolo 18: nel decreto sul contratto a tutele crescenti che il governo dovrebbe approvare il 24 dicembre in attuazione della delega sul lavoro dovrebbe essere inserita la possibilità di reintegrare il lavoratore in caso di licenziamento disciplinare ingiustificato solo nel caso in cui il giudice rilevi che il «fatto materiale non sussista». Quindi rispetto alla riforma Fornero si restringe al fatto materiale (nella legge del 2012 si parlava genericamente di fatto) e si elimina la parte che faceva riferimento a quanto previsto dai contratti collettivi sulle sanzioni. È possibile che comunque venga indicata, a fronte dei reintegro sul licenziamento disciplinare ingiustificato, la possibilità del datore di lavoro di scegliere comunque l’indennizzo magari più alto. Oggi il governo incontra imprese e sindacati sui decreti delegati, al tavolo a Palazzo Chigi convocato dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti, ma con tutta probabilità il confronto si concentrerà sui primi due decreti annunciati, quello sul contratto a tutele crescenti e quello sull’Aspi anche se per quest’ultimo i tempi potrebbero allungarsi, presentando un primo schema il 24 e definendo la norma nei dettagli dopo le feste. Sul contratto a tutele crescenti resta ancora aperta la questione dell’indennizzo in caso di licenziamento illegittimo (crescente appunto con l’anzianità contributiva del lavoratore) ma l’intenzione sembra quella di prevedere una forbice tra i 4 e i 24 mesi di retribuzione. Una forbice legata comunque al resto delle norme contenute nel decreto.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top