Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

IX Congresso Nazionale di Teriologia nel Parco Nazionale


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Tra il 7 e il 10 maggio prossimi si terrà a Civitella Alfedena (AQ) il nono Congresso Nazionale di Teriologia, organizzato dall’Associazione Teriologica Italiana (ATIt), in collaborazione con il (PNALM, http://www.parcoabruzzo.it/), che è anche l’ente ospitante, e alla Società Italiana di Ecopatologia della Fauna (SIEF, http://www.sief.it/).

Il congresso nazionale dell’ATIt costituisce tradizionalmente un momento di confronto indispensabile nella crescita professionale e culturale di coloro che, a vario titolo, si occupano degli animali mammiferi: studiosi, dipendenti di enti pubblici, liberi professionisti. Il suo obiettivo primario, infatti, è quello di facilitare lo scambio di esperienze, idee e stimoli per far avanzare le conoscenze sui mammiferi e i loro habitat, sulle strategie di conservazione e sui problemi di gestione.
L’interesse della comunità teriologica nazionale verso il Congresso è dimostrato dall’altissimo numero di contributi pervenuti: ben 197 tra poster e comunicazioni orali.
Il congresso si articolerà in cinque sessioni tematiche e una sessione di poster:
– La gestione venatoria e le strategie delle aree protette nella conservazione dei Mammiferi: punti di forza e criticità
– Sanità animale e conservazione della biodiversità
– Ricerca e strategie di conservazione dei Mammiferi nell’area mediterranea
– Metodi e modelli per l’analisi dei dati faunistici e ambientali: le nuove frontiere della conservazione dei Mammiferi
– Dal locale al globale: fattori di cambiamento delle comunità di mammiferi.

Le letture plenarie delle sessioni tematiche saranno tenute da ricercatori afferenti a istituti di ricerca stranieri; tale scelta risponde a un obiettivo ben preciso: offrire al pubblico l’opportunità di stabilire contatti a livello internazionale, aprire nuove linee di ricerca confrontarsi con situazioni di gestione e conservazione diverse da quelle dell’Italia.
A questi appuntamenti tradizionali si affiancheranno tre workshop.
Il primo riguarderà gli adattamenti, l’evoluzione e la dispersione dei mammiferi nell’Italia dell’era glaciale, rispondendo così alla curiosità di molti sulla storia recente di specie molto carismatiche: camoscio, lupo e altri canidi, gatto selvatico, lontra.
Il secondo workshop sarà la presentazione di LIFE ARCTOS (www.life-arctos.it), progetto per la conservazione dell’orso bruno sulle Alpi centro-orientali e nell’Appennino centrale; il progetto, di durata quadriennale (settembre 2010 – dicembre 2014), è finanziato dall’Unione Europea e vede la partecipazione di 10 partner guidati dal PNALM; esso consiste nella realizzazione di azioni concrete di
conservazione a favore dell’orso: i risultati saranno presentati nel corso del workshop.
Il terzo workshop, infine, riguarderà la comunicazione scientifica sui mammiferi; questo momento di confronto risponde alla volontà del dell’ATIt di promuovere un dibattito costruttivo in merito alla comunicazione che risulta spesso un punto debole nella gestione e nella conservazione dei mammiferi, in particolare quando la disinformazione o, peggio, l’informazione errata prendono il sopravvento sui dati scientifici. Al workshop presenteranno le loro esperienze teorici della comunicazione scientifica, giornalisti e ricercatori; inoltre il pubblico sarà direttamente e attivamente coinvolto nella discussione delle future linee guida sulla comunicazione, che saranno prodotte dall’ATIt entro la fine del 2014.
Durante il Congresso sarà assegnato il Best Paper Award 2014, un premio di 500 euro per il miglior articolo pubblicato da un giovane teriologo su Hystrix, the Italian Journal of Mammalogy.

Maggiori informazioni, insieme alla scheda per iscriversi sul sito dell’ATIt:
http://biocenosi.dipbsf.uninsubria.it/congressi/

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top