Cronaca e Giudiziaria

Incidente sull’A24, automobilista in prognosi riservata

La scorsa notte, pochi minuti dopo la mezzanotte, il Centro Operativo Autostradale di L’Aquila è stato attivato dalle chiamate di diversi utenti che segnalavano dapprima l’avvistamento di un animale non meglio precisato sull’autostrada A/24 e poi un incidente nelle vicinanze dello svincolo direzionale di Torano, in direzione Roma, che vedeva coinvolta una autovettura Audi A6. Le pattuglie della Polizia Stradale intervenute sul posto si sono trovate a dover affrontare una situazione molto complicata, sia sotto il profilo del soccorso agli infortunati, che della ricostruzione della dinamica dei fatti.

Il primo obiettivo è stato quello di attivare tutte le procedure per soccorrere il conducente dell’Audi, ricoverato insieme alla moglie ed al figlio presso l’Ospedale San Salvatore: l’uomo è in prognosi riservata, mentre i due familiari sono assistiti dal personale sanitario, ma non risultano feriti. Le indagini ed i rilievi del sinistro hanno permesso di accertare che l’autovettura A6, viaggiando da L’Aquila in direzione di Roma, ha investito poco prima dello svincolo direzionale di Torano un cervo: il conducente ha perso il controllo ed è andato ad urtare contro il guard rail, dove il veicolo ha terminato la sua corsa. E’ stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per estrarre  l’uomo dall’abitacolo della vettura e consentirne il trasporto in ospedale con l’ambulanza del 118.

A causa dell’urto con il veicolo, il cervo è stato sbalzato, a circa 90 metri, sull’altra parte della carreggiata e nuovamente investito da un’altra autovettura Alfa Romeo 147, che sopraggiungeva dal lato opposto e che ha riportato danni, ma fortunatamente nulla di grave per il conducente. Inoltre, nell’urto contro il guard rail, l’Audi ha divelto della segnaletica verticale che è stata sbalzata sulla sede stradale danneggiando altre due vetture che viaggiavamo sullo stesso lato della carreggiata, da L’Aquila in direzione Roma: anche in questo caso non ci sono state conseguenze per i conducenti.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top