Altri articoli

Inchiesta mense, a Capistrello è di scena l’Essebi

CapistrelloMunicipio1Concludiamo il nostro giro occupandoci di Capistrello. È il Sig. Gianluca Persia, impiegato amministrativo presso il comune, ad illustrarci nel dettaglio le caratteristiche della refezione scolastica sul territorio comunale capistrellano.

Fruiscono del servizio di ristorazione dal lunedì al venerdì 62 alunni della scuola dell’infanzia “Santa Barbara‘’ e 47 alunni della scuola secondaria “A. B. Sabin’’, mentre per gli studenti della scuola primaria non è previsto il tempo pieno con rientro pomeridiano. La ditta che si occupa già da 5 anni della refezione nelle scuole è l’ESSEBI di Avezzano diretta da Valentina Savina, responsabile dell’area mense del gruppo.

Il costo del buono pasto è di 4,48 €, 1,23 € a carico del comune e 3,25 € a carico dei genitori, ma in alcuni casi specifici può entrare in gioco da parte del comune il programma di sostegno alle famiglie, che prevede una diminuzione del prezzo del ticket.

I genitori che hanno tre o più figli a carico e coloro i quali non superano la soglia degli 8.000 € annui in base all’indicatore ISEE, godono di uno sconto del 50% sul buono pasto. I menù riservati ai piccoli studenti, costituiti da primo, secondo, contorno e frutta, vengono decisi e controllati annualmente dalla Asl e preparati dall’ESSEBI nel centro cottura situato al nucleo industriale, in base a tabelle dietetiche adeguate all’età e alle esigenze alimentari dei bambini, con pasti ad hoc garantiti per particolari patologie come celiachia, allergie, intolleranze o per motivi religiosi.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top