Italia

In Liguria e Toscana torna l’allerta meteo. Paura e scuole chiuse

Non c’è il tempo di spalare il fango e fare la conta dei danni dell’esondazione del torrente Carrione, che a Carrara arriva una nuova allerta meteo. La città è divisa fra le proteste contro il sindaco, accusato di non aver garantito la sicurezza dei cittadini, e i tavoli tecnici per affrontare un’altra eventuale tracimazione. Ma la Toscana non è l’unica area a rischio. Le previsioni hanno fatto scattare l’allarme in Liguria, altra regione già colpita dall’alluvione, e in diverse altre zone dell’Italia del centro-nord. A Carrara una cinquantina di manifestanti ha trascorso la notte in municipio ed è intenzionata a continuare finché la giunta non si dimetterà, mentre 300 operai hanno occupato un ponte. Intanto, la Protezione civile ha attivato un’allerta sia telefonica sia porta a porta per invitare i cittadini a dormire nei piani alti. È stato anche riaperto il centro di accoglienza. Per adesso, è stata invece accantonata l’ipotesi di evacuazione della zona più a rischio, dove vivono 5 mila persone.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top