Cronaca e Giudiziaria

In centinaia da tutta Europa con l’asino lungo il cammino dei Briganti. Si punta alla valorizzazione del percorso

A piedi con l’asino lungo il cammino dei briganti. Oltre 70 chilometri tra natura incontaminata, centri storici e piccoli borghi dove la parola d’ordine è ospitalità. Il lungo sentiero che attraversa la Marsica occidentale e arriva fino ai confini con il Lazio è frequentato ormai da turisti tedeschi, danesi e francesi che arrivano in Abruzzo per camminare a piedi tra quelle che un tempo erano le strade dei briganti. A riscoprirlo e valorizzarlo è stato Luca Giannotti che del camminare ha fatto una ragione di vita. “Il cammino dei briganti è frutto di un percorso di
valorizzazione dei sentieri iniziato con la riscoperta delle vecchie mulattiere abbandonate”, ha raccontato, “lo abbiamo sponsorizzato attraverso il web e sono arrivati da ogni nazione per attraversare con l’asino le strade dei briganti”. Testimonial illustri come Enrico Brizi, scrittore, Claudio Cernesi, docente, Guido Bidorzi, psicanalista, hanno provato questa esperienza e tanti si sono interessati. Per questo Vincenzo Nuccetelli, primo
cittadino di Scurcola, e Lorenzo Berardinetti, sindaco di Sante Marie e consigliere regionale, si sono messi a tavolino per valorizzare questo cammino, dotarlo di cartellonistica e piantine da fornire ai visitatori, e costruire intorno una rete. “Chi si accinge a compiere questo cammino”, ha concluso Giannotti, “spesso si sofferma a parlare con l’anziano che gli racconta una storia o a mangiare a casa di un contadino. È un modo per riscoprire la comunità e per sviluppare il territorio con la nascita di nuove strutture ricettive”. Il cammino parte da Scurcola, attraversa Sante Marie e si sposta verso il reatino per poi tornare a Magliano de Marsi. Mappe e informazioni sono disponibili sul sito
www.camminobrigantiwordpress.com

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top