Italia

Imprese: Renzi firma contratti per 1,44 mld e 25mila posti lavoro

Sotto la regia di Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, alla data di oggi sono stati approvati in tutto, in pochi mesi, 36 programmi. Gli investimenti previsti sono pari a 1,44 miliardi di euro: riguardano diversi settori strategici per lo sviluppo, in molti casi rappresentativi del made in Italy, fortemente legati al mondo dell’innovazione, tutti nel nostro Paese, nell’ambito industriale, commerciale e turistico. Le risorse finanziarie pubbliche concesse sono circa 700 milioni di euro. E’ quanto spiega una nota di palazzo Chigi.
Oltre l’80% dei programmi e’ concentrato nelle quattro regioni dell’obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia). I progetti salvaguardano o creano nuova occupazione e riguardano oltre 25mila persone. Il 44% dei programmi di investimento e’ promosso da imprese controllate da gruppi esteri.
Alla presenza del presidente del Consiglio, del ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e del sottosegretario alla Presidenza Graziano Delrio, alcune imprese protagoniste dei nuovi contratti hanno firmato un preaccordo con Invitalia, rappresentata dall’amministratore delegato Domenico Arcuri. Hanno partecipato alla firma Arturo Antonio Zanni, presidente e amministratore delegato di Sanofi Aventis; Eugenio Aringhieri, amministratore delegato di Dompe’; Fausto De Angelis, senior counsel di Whirlpool Europe; Vincenzo Rosino, amministratore delegato di Euralenergy; Lara Ponti, organization and HR development manager di Ponti; Carlo Giello, direttore generale di Ferrarelle. Tra i presenti Pietro Palella amministratore delegato di STMicroelectronics. Le altre aziende coinvolte sono: MbdA Italia 2, Vodafone Omnitel Nv, Gruppo Prysmian – Prysmian Powerlink, Seda Italy, Telecom Italia, Denso Manufacturing Italia, Molino e pastificio De Cecco, Giovanni Bosca Tosti, Siciliani, La Regina di San Marzano, Gruppo Oleario Portaro, Kimbo, Benincasa, Diomira, Ro.Ma. Immobiliare, Item, Multicedi, conclude la nota di palazzo Chigi.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top