Abruzzo

INQUINAMENTO A LECCE NEI MARSI:VERIFICHE IN CORSO

La Struttura Sanitaria Medisalus Srl di Aratari Arnaldo sita in Lecce nei Marsi, sorge in un’area non coperta dalla rete fognaria comunale per acque nere e che, di fatto, sversa nel terreno gli scarichi fognari dell’attività inquinando suolo, sottosuolo e relative falde acquifere.

Non solo: il pozzetto finale dove vengono convogliati tutti gli scarichi è dotato di un tubo di collegamento nell’adiacente condotta di scarico del consorzio agricolo Cogear dedicata però solo alle acque bianche.

E’ evidente, dunque, che la Società Medisalus Srl ha scaricato e scarica, altresì, i propri liquami in tale condotta per acque bianche che si riversano nelle acque superficiali del fiume Aquilella le cui acque sono destinate all’irrigazione in agricoltura e all’abeveraggio degli animali (ovini, bovini, etc..).

È l’inquietante realtà emersa da un recentissimo controllo effettuato a Lecce nei Marsi al centro Medisalus di Aratari Arnaldo dai tecnici ASL, alla presenza di rappresentanti dell’Arta, del Cam e dell’amministrazione di Lecce dei Marsi e Gioia dei Marsi (Sindaci e Responsabili Tecnici) richiesto dalla Procura della Repubblica di Avezzano.

Le risultanze dei controlli effettuati dai Tecnici sono state rese note a tutti gli Enti competenti.

Esiti che addensano nuvoloni neri all’orizzonte di Arnaldo Aratari, Titolare della Struttura Sanitaria Medisalus Srl, già recentemente balzato alla ribalta delle cronache per l’inchiesta “Tutti per uno” – per la quale è stato recluso prima nel carcere di San Nicola, poi a Rebibbia e attualmente ai domiciliari.

Ma non solo, i contorni della vicenda aprono scenari inaspettati e suscitano più di un interrogativo.

La Medisalus non si è dotata di un sistema per lo smaltimento dei liquami neri, malgrado ciò fosse obbligatorio e requisito igienico-sanitario fondamentale per l’ottenimento del certificato di agibilità, a sua volta prerequisito essenziale allo svolgimento di tutte le attività che l’Azienda conduce, pure in convenzione con la ASL e la Regione da più di un decennio

Che la zona fosse priva di rete fognaria pubblica per acque nere ma solo per gli scarichi di acque bianche (terriccio) prodotte dal lavaggio dei prodotti ortofrutticoli è localmente cosa nota e regolata da apposita Delibera del Consiglio Comunale di Gioia dei Marsi.

È possibile che nessuno, considerando anche la peculiarità degli scarichi prodotti dalla struttura sanitaria, abbia mai avuto dubbi sulla regolarità delle procedure attuate dalla stessa o sulla documentazione relativa?

Di quale entità e tipologia, in che quantità e da quanto tempo la struttura sversa nel terreno, e che grado di danno ambientale ha prodotto tutto ciò?

È verosimile che, prima del blitz della Guardia di Finanza, amministratori e organi preposti ai controlli fossero all’oscuro del fatto che Il centro Medisalus non fosse dotato di essenziali sistemi per la tutela della salute pubblica a norma di legge?

Intanto, desta sconcerto che quanto appurato da un’attività della GdF delegata dalla Procura della Repubblica sia sfuggito all’attenzione di tanti, inclusi gli amministratori e dirigenti pubblici degli Enti competenti.

E sì che tale problema nella zona era ed è già rilevato, dato che un’ordinanza Sindacale di Gioia dei Marsi proibisce l’uso dell’acqua superficiale del fosso Aquilella dove vengono, alla luce della recente ispezione, sversati i liquami della Società Medisalus Srl.

L’ordinanza del Sindaco di Gioia dei Marsi Avv. Gianclemente Berardini è tutt’ora vigente e non essendo mai stata revocata, dimostra la continuazione e la persistenza dell’inquinamento ambientale (suolo, sottosuolo, falde acquifere e acque superficiali per uso agricolo e per allevamento di bestiame).

Il Sindaco di Gioia dei Marsi ha correttamente trasmesso tale ordinanza agli Enti competenti affinché provvedessero a rimuovere tale scempio.

Gli interrogativi sono molti, ma dalle indagini, secondo voci di corridoio, dovrebbero arrivare a breve risposte esaustive, insieme a provvedimenti che saranno utili a ricostruire nei dettagli la vicenda e da cui potrebbe arrivare più di una sorpresa ma soprattutto porre fine ad un inquinamento che mina fortemente e da tempo la salute dei cittadini della Marsica.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top