Ambiente

Impianto Compostaggio Massa: assenza ingiustificata per i consiglieri regionali, ma il comitato non si arresta

Non si arresta la lotta del comitato intercomunale “Difesa del territorio equo” e la sensibilizzazione popolare si sposta ad Avezzano, dove ieri pomeriggio si è tenuto un incontro informativo sul progetto presentato dalla ditta Cesca e in particolare si è voluto mettere in luce quello che potrebbe essere l’impatto di un simile impianto in un territorio già martoriato come quello marsicano. L’incontro si è svolto alla presenza, oltre che dei comitati di San Benedetto dei Marsi e dei Piani Palentini, nati per fare opposizione alla costruzione di impianti analoghi, anche di consiglieri comunali avezzanesi e dell’unico consigliere regionale intervenuto, l’ex sindaco di Pescina, dimessosi pochi giorni fa per insediarsi nella giunta regionale, Maurizio Di Nicola.

Dopo un’attenta presentazione dell’impianto e dei rischi relativi alla salute che lo stesso comporta a cura di un membro del comitato, la portavoce e presidente del comitato “Difesa del territorio equo” Velina Armati, ha spiegato come quest’ultimo ha agito in questi sei mesi. Supportato infatti dal WWF nella persona di Sefora Inzaghi, presente all’incontro, il comitato si è mosso sia in campo politico sia in campo tecnico; ha ottenuto dai comuni limitrofi delibere di totale dissenso all’impianto e successivamente anche il sindaco di Massa d’Albe Blasetti su richiesta della minoranza ha convocato il consiglio comunale e si è opposto alla costruzione dell’impianto; un altro traguardo è stata la firma dell’allora presidente della regione Chiodi sulla delibera di sospensione della costruzione dell’impianto che, però, non ha avuto seguito nei competenti uffici regionali che continuano a rilasciare le autorizzazioni per la conclusione dell’iter e soprattutto non rivedono la valutazione di impatto ambientale alla quale il comitato chiede di aggiungerne una di impatto sanitario.

All’indomani delle elezioni e della formazione della giunta regionale, i consiglieri invitati non sono stati presenti all’incontro, eccetto Di Nicola, il quale si è mostrato vicino alla problematica ambientale ed al comitato e si è impegnato in prima persona a seguire a livello regionale gli sviluppi di questa vicenda. Il consigliere comunale Iucci ha espresso la vicinanza del sindaco Di Pangrazio, ai comuni di Massa, Magliano e Scurcola nella battaglia contro l’ennesimo scempio del territorio marsicano e ha fatto presente la volontà del primo cittadino di Avezzano di organizzare un incontro del coordinamento dei sindaci marsicani, con l’idea di portare in regione alcune proposte, tra le quali si evince la necessità di una mappatura generale del territorio, che presenta già e in maniera eccessiva dei siti sensibili, su cui sono stati costruiti impianti di ogni genere. Resta solo da sperare che le sedie vuote che ci sono state all’incontro di ieri, non siano segnali negativi nei confronti dell’impegno che il comitato intercomunale sta mettendo nella difesa del suo territorio.

Giada Giffi

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top