Altri articoli

Immigrazione clandestina, altra infornata degli ormai “soliti noti”

Nella mattinata di ieri personale dell’Ufficio Immigrazione del Commissariato di P.S. di Avezzano, al termine di attività d’indagine partita da una normale verifica della documentazione prodotta per ottenere il rilascio del permesso di soggiorno, ha accertato la responsabilità penale di un cittadino italiano di anni 48 e di un cittadino pakistano di anni 36, che rispondono di falsità materiale e falsità ideologica in atto pubblico.

Le indagini, partite da una serie di controlli effettuati per verificare la rispondenza tra i contratti d’affitto e le abitazioni dichiarate, hanno consentito di scoprire che alcuni cittadini pakistani, nel presentare l’istanza di regolarizzazione sul territorio nazionale, avevano falsamente dichiarato di essere residenti presso l’abitazione di un Italiano.

Dalle indagini è altresì emerso il coinvolgimento di un cittadino pakistano, che forniva false “comunicazioni di ospitalità” a i suoi connazionali in cambio di un compenso di circa 500 euro.

Quanto emerso comporterà lo svolgimento di ulteriori accertamenti sulle pratiche già evase e che, già nei prossimi giorni, saranno riesaminate dagli Agenti dell’Ufficio immigrazione del Commissariato di P.S. di Avezzano, attività al termine della quale non si escludono ulteriori sviluppi investigativi.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top