Editoriale

Il traguardo dei nuovi adolescenti

Gli adolescenti del nostro tempo non godono di una buona stampa. Anzi, subiscono una stampa che ama celebrare, negativamente, le nefandezze del «branco» e renderli sovente protagonisti, magari accanto a malfattori incalliti, di troppe cronache nere.
Ma è proprio vero? Forse le generazioni anziane hanno visto in campo i loro padri negli anni della «contestazione» e, con una visione generalizzata dei comportamenti e delle idee, ne hanno fatto i modelli della nuova gioventù, anzi della nuova adolescenza. Ma è lecita questa generalizzazione? Possiamo pensare che sono tutti uguali questi giovani? Forse dovremmo cominciare a ripensarli; e ripensare insieme il nostro rapporto con loro, che un tempo fu severo, poi impaurito e oggi è quasi del tutto silenzioso. Eppure…

Una Consulente della Presidenza del Consiglio,che Gradisce rimanere anonima e che ho incontrato la settimana scorsa durante la mia permanenza vacanziera nella Splendida Regione Calabria, per le Problematiche dell’Infanzia dell’Adolescenza , dichiara quanto segue: «In questi anni l’adolescenza è un’età silenziosa. Dopo i clamori della contestazione giovanile del Sessantotto, gli adolescenti hanno cessato di svolgere un ruolo pubblico. Persino il consumismo, che sembrava entusiasamrli negli anni Ottanta, fa ben poca presa sulle loro aspirazioni».

Troviamo molti genitori incerti nel rapporto con i loro figli: quasi un «amore-odio», ma con tanto amore e pochissimo odio. Quale è la causa?
«Di fronte al figlio adolescente, che fra non molto prenderà il loro posto sulla scena della vita, i genitori si trovano spesso in balia di sentimenti contrastanti: da un lato la soddisfazione nel vederlo progredire, e dall’altro il desiderio che resti sempre il “loro bambino”. Se a livello razionale fanno di tutto per sospingere i figli verso l’autonomia, a livello inconscio si insinua in loro un meccanismo di difesa, che li induce a trattenerli in una situazione di dipendenza. Al messaggio esplicito che comunicano ai figli: “Diventa grande, diventa autonomo”, spesso si aggiunge quello inconscio, che colpisce più in profondità: “Sei ancora piccolo, non sei in grado di sbrigartela da solo…”. E’ anche questo un tipo di comunicazione inconscia, alla quale è più difficile sottrarsi perché sfugge al controllo della ragione, che ha le sue radici nel fenomeno dell’ “adolescenza interminabile”. E spesso i genitori sono i primi a lamentarsi dei figli che, ormai prossimi alla trentina, “non se ne vanno di casa”».

In questa ambiguità di comportamenti, qual è l’influenza della società?
«Il rinvio a tempo indeterminato dell’ingresso nell’età adulta è un lusso della nostra epoca, sia pure limitato ai paesi industrializzati. Ma è un lusso così carico di contraddizioni da accentuare, anziché diminuire, l’inquietudine e il malessere dell’età adolescente. In questa zona di frontiera dai confini sempre incerti, il teenager non trova alcun punto fermo cui ancorare la propria condizione. Le contraddizioni di questa adolescenza a lungo termine si estendono a molti altri aspetti della condizione giovanile. A cominciare dalla componente più privata e più delicata: la sessualità».

E la scuola, come si insinua tra l’adolescente e il suo futuro, tra l’adolescente e la famiglia?
«Anche il diritto allo studio è un “lusso” dai risvolti ambigui, contraddittori. Oggi tutti gli adolescenti, a qualsiasi ceto sociale appartengono, possono studiare fino alla maggiore età: e quasi tutti, se vogliamo, possono accedere all’Università. Eppure molti, circa il 30 per cento, abbandonano la scuola prima del diploma. E la maggior parte di chi si iscrive all’Università non arriva alla laurea. Se tanti rinunciano al “lusso” dello studio, non è solo perché la scuola “non prepara alla vita”, delude le aspettative, non rafforza l’identità attraverso il senso dell’appartenenza? Anche perché, pure essendo esperienza di massa, espelle i più deboli, i più vulnerabili, i meno sorretti dalla famiglia. Apparentemente l’abbandono della scuola sembra una scelta voluta a decisa dai ragazzi, attratti dal miraggio del lavoro come la scorciatoia più facile per diventare autonomi e raggiungere subito una certa indipendenza economica.
In realtà, come affermano recenti ricerche, spesso si tratta non solo di esperienze deludenti quanto e più della scuola; ma di uno “scacco evolutivo”, che rallenta la crescita invece di accelerarla».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top