Cronaca e Giudiziaria

Il rione “macedonia” si aggiudica il quinto palio dei rioni di Civita D’Antino

Già vincitori dello scorso anno, i rioni riuniti (Piazza, Santa Maria, Giardino, Torrone, Ricastro) sono riusciti a portarsi a casa anche quest’anno la palma d’oro della “Festa dei Rioni”. Nata per caso cinque anni fa quando gli abitanti di Civita decisero di riunirsi in piazza condividendo buon cibo e vecchi racconti, la festa è diventata negli anni una vera e propria competizione che coinvolge tutti gli abitanti dei sette rioni cittadini. «Si tratta della festa più sentita di Civita D’Antino perché vede la partecipazione di tutti, dai più grandi ai più piccoli» ha dichiarato il sindaco Sara Cicchinelli portando i saluti di tutta l’amministrazione che da anni sostiene la manifestazione.
L’edizione 2014, che si è disputata ieri nell’affollata piazza cittadina, non ha deluso le aspettative e ha raccolto cittadini, villeggianti e turisti animando il borgo medievale che per l’occasione si è trasformato in teatro a cielo aperto facendo da sfondo agli sketch messi in scena dai rioni. Il ritorno a casa di un emigrante che trova nella sua Civita il grande pittore danese Kristian Zahrtmann, il tema scelto dal rione Terravecchia; una profonda riflessione sull’importanza della libertà individuale e la sovranità popolare secondo quanto Silone ha lasciato nella sua “Fontamara” è stato invece il filo conduttore della rappresentazione del rione Fonte; l’importanza sociale della tv con i suoi indimenticabili protagonisti al centro infine dello sketch comico dei rioni riuniti ai quali la giuria, presieduta dallo stesso sindaco, ha attribuito il premio finale, un quadro in ceramica raffigurante gli stemmi rionali che resterà custodito fino al passaggio di testimone del prossimo anno.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top