Italia

Il Natale di Francesco per i bimbi

Ci sono i bambini «uccisi, abusati e maltrattati», vittime «degli attuali Erode», nel cuore di papa Francesco in questo Natale 2015. E anche i cristiani «discriminati, perseguitati e uccisi», cacciati dalle loro case e privati di tutto – come accade in Iraq e in Siria sotto l’attacco dello Stato islamico – martiri moderni che ricordano quelli dell’inizio della cristianità. Nella celebrazione del Natale, il Pontefice argentino ha voluto rifuggire da «quel falso rivestimento dolciastro che non le appartiene», ha detto all’Angelus di Santo Stefano, primo martire della Chiesa. Anzi, tra le tante guerre, violenze, sopraffazioni in corso nel mondo, «davvero tante lacrime ci sono in questo Natale insieme alle lacrime di Gesù Bambino», ha sottolineato ieri nel messaggio Urbi et Orbi. Quale fosse lo spirito di Francesco in queste feste natalizie lo si è capito già la vigilia, quando ha telefonato ai profughi cristiani del campo di Ankawa, ad Erbil, in Iraq, in fuga dai jihadisti dell’Is. «Voi siete come Gesù la notte del suo Natale: per lui non c’era posto, è stato cacciato ed è dovuto fuggire in Egitto per salvarsi. Vi benedico tanto e sono vicino a voi». Poi, nella messa della notte celebrata in San Pietro, dove ha ricordato «quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo», mentre proprio il messaggio del Natale deve far capire che «Dio è più forte delle tenebre e della corruzione». Ma quella «luce che squarcia il buio», ha sottolineato, «la vide la gente semplice».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top