Italia

Il bimbo è figlio di due mamme

È un bambino nato in Spagna grazie all’inseminazione eterologa e, per la legge locale, è figlio di due mamme, sposate a Barcellona. Ora la Corte d’appello di Torino – per la prima volta in Italia – ha accolto la loro richiesta e ordinato al Comune di trascrivere la nascita del bambino come figlio di entrambe. La motivazione: «garantire la copertura giuridica a una situazione di fatto in essere da anni, nell’esclusivo interesse del minore». Il tribunale di Torino, in un primo momento, aveva respinto la loro richiesta, perché «contraria all’ordine pubblico». La sezione famiglia della Corte d’appello presieduta da Silvia Daniela ha ribaltato la decisione: la mancata trascrizione, si spiega, verrebbe a comprimere il diritto all’identità del minore e il suo status in Italia. Poiché le due donne hanno divorziato, scegliendo di condividere la responsabilità genitoriale, «la mancata trascrizione comporterebbe anche conseguenze rilevanti» sulla «libera circolazione del minore». Il Comune ha deciso di non trascrivere l’atto in attesa di un parere del ministero dell’Interno, ma chiede un intervento legislativo, mentre la Regione Piemonte chiede al governo di agire di fronte al vuoto giuridico. Critiche dal centrodestra, con Maurizio Gasparri, Forza Italia, che parla di sentenza «assurda», mentre plaudono le associazioni per i diritti dei gay. Secondo monsignor Bruno Forte, vescovo di Chieti, segretario speciale del Sinodo sulla famiglia, la decisione «non tutela il diritto del bimbo» ad avere un papà e una mamma.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top