Italia

Idv: Di Pietro, Razzi si è venduto per 30 denari

«In Abruzzo ho cercato di candidare persone che dovevano rappresentare il senso della società civile, addirittura un operaio, emigrato in Svizzera, e mi sono ritrovato questo operaio, che avrà pure i capelli bianchi, ma ha la testa rossa della vergogna, perchè si è venduto per i classici trenta denari di Giuda».

Lo ha detto il presidente onorario dell’Idv, Antonio Di Pietro, citando la candidatura di Antonio Razzi nelle liste dell’Idv nel 2008 per parlare della «profonda rigenerazione del suo partito rispetto a quello della prima ora», in vista delle prossime elezioni europee. «Naturalmente parlo di trenta denari politici – ha aggiunto – quelli fisici non lo so se e quanti ne abbia presi. Su questo c’è un procedimento giudiziario in corso partito a seguito di una mia denuncia».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top