Altri articoli

Idrico: Chiodi fa una lavata di testa a Cam e compagne

cam“Non è più tollerabile che le società pubbliche partecipate dagli Enti locali tardino ancora a rinnovare i consigli di amministrazione scaduti ormai da tempo”. L’atto di accusa arriva dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, che chiede con forza di “ridisegnare i nuovi Cda delle partecipate per riallinearsi alla normativa nazionale del 2012. Si tratta di un obbligo di finanza pubblica che non è più possibile disattendere”.

In Abruzzo solo tre società, la Gran Sasso Acqua de L’Aquila, la Ruzzo Reti di Teramo e la Sasi di Chieti, hanno rinnovato i rispettivi Cda secondo le indicazioni della legge nazionale; rimangono fuori la Aca di Pescara, la Saca di Sulmona e il Cam di Avezzano “che devono procedere con sollecitudine”. Il mancato rinnovo del Cda, come detto, genera una situazione di paralisi anche sul versante degli investimenti.

Per il Cam “la situazione è maggiormente preoccupante considerato che l’assemblea dei soci non ha ancora provveduto ad approvare il bilancio 2012”. Da qui la richiesta del presidente della Regione di “assunzione di responsabilità da parte dei Comuni soci, che non possono sacrificare l’interesse pubblico dei cittadini per salvaguardare posizioni di parte”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top