Altri articoli

Grandi risate e lunghi applausi per la Follia dei Teatranti

Gli uffici di una multinazionale di servizi energetici, la Scamar, i suoi sei responsabili di settore e una promozione come vicedirettore in ballo; a pochi minuti dall’inizio dei colloqui con il direttore generale, i sei si comportano in modo davvero molto strano. Questi sono gli elementi principali di “Follia d’ufficio”, commedia in due atti portata in scena sabato 31 gennaio al Teatro dei Marsi di Avezzano dalla compagnia teatrale “Teatranti Tra Tanti”, composta da Gianluca Zanellato, Stefano Viezzoli, Virgilio Scafati e dai tre marsicani Alessandro Martorelli, Silvia De Grandis e Adriana Marinucci.

Tutto ha inizio però qualche ora prima, quando i sei responsabili scoprono che la direzione in realtà ha già scelto chi sarà il futuro vice e quei colloqui vogliono essere soltanto una conferma alla loro scelta. A questo punto viene architettato e messo in atto un piano subdolo per far apparire durante il colloquio agli occhi della direzione il favorito, un vero e proprio ipocondriaco, come una persona completamente inadatta a ricoprire quel ruolo. E il preferito dà inconsapevolmente lo spunto agli altri 5, raccontandogli della “sindrome da stress da ufficio”, una malattia che causa dejà vu e allucinazioni visive e uditive. E da questo punto in poi si dà il via a tutta una serie di gag molto divertenti che, tra una risata e l’altra, accompagnano lo spettatore verso un finale inaspettato e per nulla scontato.

Al termine della rappresentazione un lunghissimo applauso del pubblico ha salutato i sei attori, diretti dalla regia di Virgilio Scafati, che sono riusciti a dare vita in modo mai scontato e coinvolgente alle ambizioni e alle ansie dei personaggi, dando loro una forte ed esilarante caratterizzazione. La commedia, scritta da Alessandro Martorelli, rappresenta in maniera comica e paradossale le dinamiche reali, le ambizioni e le gelosie che si possono trovare in un qualsiasi ufficio portandole però al’estremo. L’autore riesce a cogliere e a raccontare in maniera chiara i rapporti umani e le gelosie che si creano sul luogo di lavoro, rappresentando con lucidità e ironia la complessa psiche umana e le meschinità di cui l’uomo è capace pur di raggiungere i propri obiettivi.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top