Cultura

Il grande jazz con Sarah McKenzie al Teatro dei Marsi


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Sarah McKenzie è un prodigio musicale. Canta con quel tipo di fraseggio che solo un vero jazzista può farsi venire in mente, mentre il suo ritmo al pianoforte fa venire voglia alle persone di suonare il jazz.” (James Morrison)

Avezzano – Di Sarah McKenzie si è detto che è un tesoro nazionale australiano, e per certo si sa che è una cantante e pianista jazz molto acclamata il cui album Close Your Eyes ha vinto nel 2012 agli ARIA Awards (Grammy australiano) nella categoria “Best Jazz Album”.  Oggi vive a Boston e ad appena ventisette anni si è già esibita in Australia e Europa, calcando alcuni dei più iconici palchi jazz: Monterey Jazz Festival, Dizzy’s Coca Cola Club e Minton’s a New York, Sculler’s a Boston, Melbourne International Jazz Festival, Umbria Jazz Festival, The Boston Arts Festival, Stonnington Jazz Festival, Wangaratta Jazz Festival.  Nel 2014 ha avuto l’onore di essere invitata a presentare le sue composizioni con la Boston Pops Orchestra alla Symphony Hall di Boston. È stata in tournée con Michael Bublé, Chris Botti, John Patitucci e Enrico Rava. Nel 2013 la pianista e cantante Sarah McKenzie è stata premiata dall’Umbria Jazz Festival con una borsa di studio per frequentare il prestigioso Berklee College of Music.  Dopo aver conseguito il Diploma in Jazz Performance è stata scoperta dal direttore di Universal Publishing France, Jean‐Philippe Allard, che l’ha invitata ad incidere su ‘Impulse!’ la famosa etichetta di Universal. We Could Be Lovers , è il suo debutto su ‘Impulse! ed è stato prodotto da Brian Bacchus (Norah Jones, Gregory Porter) e registrato nei leggendari Sear Sound studios di New York. Uscito in Europa nel settembre 2015, l’album include numerosi brani originali di McKenzie, affiancati da classici di Cole Porter, Gershwin, Mancini, Ellington e Jerome Kern.

 

SARAH McKENZIE Quartet in:

We Could Be Lovers

 

Sarah McKenzie pianoforte e voce

Jo Caleb chitarra

Geoff Gascoyne contrabbasso

Marco Valeri  batteria

 

 

Prevendite biglietti:

Punto Informativo C.so della libertà fino a giovedì h 18-19,30

Venerdì direttamente in teatro ore 16-21

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top