Prima Notizia

Grande Guerra, sottosegretario alla difesa: sia un insegnamento per i giovani

sottosegretario_rossi

“I destinatari di queste cerimonie sono i giovani. Se non riusciamo a far capire alle future generazioni che una Repubblica democratica fondata sulla pace e sulla solidarietà, come la nostra, si basa sulla sofferenza e il sangue delle generazioni precedenti, abbiamo fallito”. Lo ha affermato il sottosegretario alla difesa Domenico Rossi, in visita ufficiale ad Avezzano dove ha presenziato alla cerimonia per rendere onore ai caduti della Grande Guerra, che si è tenuta nel primo pomeriggio di oggi in Piazza della Repubblica. Ad accogliere il rappresentante del governo, al quale sono stati tributati gli onori militari, il generale di brigata, Rino De Vito, comandante della Regione militare.

sottosegretario_rossi2

 

Dopo la cerimonia il sottosegretario si è intrattenuto intrattenuto in municipio per circa mezz’ora con il sindaco di Avezzano, Giuseppe Di Pangrazio, e gli altri sindaci della Marsica. ” Il mio primo pensiero – ha commentato il sindaco di Avezzano – va ai tanti ragazzi che nel 1915, subito dopo il terremoto, dovettero partire per la guerra lasciando sotto le macerie i propri cari. Un binomio, quello tra guerra e sisma, che necessariamente rafforza il sentimento per il nostro territorio e la nostra Patria”.  Il sottosegretario Rossi, accompagnato dal generale di brigata dei Carabinieri, Claudio Quarta, ha poi deposto una corona d’alloro sul monumento ai caduti in Piazza Torlonia ad Avezzano. Alla cerimonia erano presenti il prefetto dell’Aquila, Francesco Alecci, la banda della scuola Trasporti e Materiali dell’esercito della caserma  ‘Filiberto’ di Roma, un reparto del nono reggimento degli alpini dell’Aquila, le associazioni combattentistiche e d’arma e tutte le autorità civili e militari.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top