Attualità

Gli abitanti di Meta scrivono all’assessore Paolucci: “Piangiamo i morti e preghiamo per i malati. Ora basta, non abbiamo più lacrime da versare”

Civitella Roveto – Riceviamo e pubblichiamo la lettera che gli abitanti di Meta hanno scritto all’assessore alla sanità della Regione Abruzzo Silvio Paolucci.

“L’abitato del nostro borgo (Meta di Civitella Roveto), una località a 1050 m. slm , ha due crinali uno dirimpettaio di Monte Salviano, l’altro il lato opposto. Gli abitanti dei due lati del crinale si equivalgono. I residenti sono al di sotto delle 450 unità, negli ultimi anni abbiamo avuto 19 malati per neoplasie varie con 12 decessi. I deceduti che abitavano il lato del crinale che guarda Monte Salviano sono nove, quelli del lato opposto tre. Gli attuali malati lato monte Salviano cinque, lato opposto due.

Il nostro borgo è privo di attività agricole e/o industriali che possono generare inquinamenti vari da mettere in relazione a un numero di neoplasie esageratamente grande rispetto ai residenti.
Fatto salvo il fattore ereditario, ci deve essere qualche causa a noi sconosciuta che genera queste patologie, causa testimoniata da una differenza sostanziale di numeri tra i due crinali del paese (malati 5 a 2, deceduti 9 a 3), numeri che rappresentano malati decessi e dolore delle famiglie e di un’intera comunità.

Il rapporto di 3 a 1 tra i due crinali del paese sia dei malati che delle persone decedute non trova spiegazioni logiche e comprensibili a livello statistico e del comun pensare. Chiediamo a Lei assessore alla sanità, di istituire una commissione scientifica d’inchiesta interdisciplinare per stabilirne le cause e prendere i provvedimenti conseguenti a tutela della salute dei residenti”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top