Ambiente

Una giornata per l’orso marsicano

Pescasseroli. Presso il centro Visite del Parco si è svolta una
giornata molto intensa di appuntamenti per gran parte dedicati alla
tutela dell’Orso marsicano. La mattina è stata destinata al corso di
formazione agli Agenti Forestali e ai Guardia Parco sull’uso illegale
del veleno e le sue conseguenze sulla fauna. Il corso è parte di una
azione del nuovo Life Pluto (Strategia italiana di emergenza per
combattere l’avvelenamento illegale e minimizzare il suo impatto su
orso, lupo ed altre specie) del Corpo Forestale dello Stato, che
unitamente al Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga prevede, tra
le tante azioni, la costituzione di n. 6 nuovi Nuclei Cinofili
Antiveleno (NCA). Tali Nuclei sono stati dislocati sul territorio
nazionale in aree ritenute prioritarie per le criticità legate al
fenomeno “uso di esche e bocconi avvelenati” ed alla correlazione
con la presenza di specie faunistiche minacciate, in particolare i
grandi carnivori (orso bruno e lupo) ed i rapaci (aquila reale, grifone,
ecc.). Grazie al Life PLUTO sono stati perciò istituiti i NCA del Parco
Nazionale del Pollino, del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi,
del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, del Parco Nazionale
d’Abruzzo, Lazio e Molise, del Parco Nazionale del Cilento Vallo di
Diano ed Alburni e del Comando Provinciale di Isernia. Il corso ha avuto
anche un momento di dimostrazione pratica di attività dell’unità
cinofila.

Nel pomeriggio, alla presenza della Dott.ssa M. Carmela Giarratano del
Ministero dell’Ambiente, è stato sottoscritto il nuovo Accordo tra
Pubbliche Amministrazione per l’attuazione di azioni coordinate e
condivise per la tutela dell’Orso bruno marsicano nel biennio 2016
-2018. L’accordo dà continuità al protocollo sottoscritto nel 2014
dal Ministero dell’Ambiente, dalle Regioni Abruzzo, Lazio, Molise e
dal Parco Nazionale d’Abruzzo, ed è stato allargato anche al Corpo
Forestale dello Stato e al Parco Nazionale della Maiella.

La Dott.ssa Giarratano ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto
negli ultimi due anni, ma anche l’esigenza di dare maggiore impulso e
continuità alla conservazione dell’orso bruno marsicano richiamando
tutti alla necessità che gli impegni sottoscritti siano rispettati,
perché su questo si gioca la credibilità delle Istituzioni Pubbliche
coinvolte.

Inoltre, sempre nel pomeriggio, per dare seguito ad un lavoro già
avviato rispetto alle problematiche riguardanti l’uso illegale di
veleno si è rinnovato il protocollo d’intesa per l’utilizzo dei
nuclei cinofili antiveleno a tutela dell’orso bruno marsicano nel suo
areale di distribuzione, tra il Corpo Forestale dello Stato e i tre
Parchi Nazionali Abruzzesi. La novità di quest’anno è che per un
maggiore controllo del territorio si è convenuto di inserire anche i
territori del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e del Parco Regionale
del Sirente Velino.

Il Presidente del Parco – Antonio CARRARA – dichiara:  “_E’
stata una giornata importante che rimarca il lavoro che stiamo svolgendo
e il rispetto di alcuni impegni assunti in precedenza, come
l’istituzione del nucleo cinofilo antiveleno nel Parco e delinea gli
impegni futuri per la conservazione dell’orso bruno marsicano”._

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top