Attualità

Gal, Di Micco convoca assemblea per il rinnovo del CdA e elezione del nuovo presidente

Avezzano – Rocco Di Micco convoca assemblea per rinnovo del Consiglio d’Amministrazione e l’elezione del nuovo Presidente ma Augusto Cicchinelli resta a sorvegliare la sede 24/24 ore e continua lo sciopero della fame con il riavvio però delle cure mediche convinto dai funzionari e dirigenti della Polizia di Stato. Nella giornata di ieri, regolarmente riunito presso la sede sociale di viale Newton, il Consiglio di Amministrazione del GAL Terre Aquilane convoca l’assemblea dei soci per il rinnovo della governance della società.

L’importante summit è in agenda per il giorno 31 agosto alle 17, in prima convocazione, il 1 settembre, stessa ora, in seconda.
“Andiamo avanti senza tentennamenti” afferma il Presidente Rocco di Micco, “poiché siamo forti della legittimità di tutti i nostri atti e convinti della bontà delle nostre idee, per non deludere le aspettative delle imprese e del territorio che non vogliono sottostare a ricatti e condizionamenti di qualche politico vorace che vorrebbe dare l’assalto alla diligenza”.

Il GAL infatti è assegnatario di 3milioni e 600 mila euro di fondi Ue. “”Faccio un appello alle forze politiche sane” aggiunge Di Micco, “perché si pronuncino su quanto sta avvenendo in una società privata: l’ingerenza di alcuni politici locali che come hanno sentito l’odore dei finanziamenti si sono tuffati a pesce sul GAL; è una storia che si ripete e che deve essere stoppata una volta per tutte, anche perché i politici locali di cui sopra sono sempre gli stessi da anni e hanno prodotto già troppi danni al nostro amato territorio”.
La sessione assembleare servirà anche per adottare alcune decisioni statutariamente obbligatorie e non più rinviabili pena la responsabilità degli amministratori stessi.

A margine del CdA anche Augusto Cicchinelli ha rilasciato la seguente dichiarazione: “In quella assemblea tutti i soci del GAL potranno esprimere la loro posizione e potranno far valere, regolarmente, le maggioranze che si formeranno: in tal caso, il CdA ed il Presidente che saranno eletti governeranno senza alcun ostacolo ed anzi con la collaborazione, se richiesta, del sottoscritto e dei soci che rappresenta: si può accettare di perdere la governance di una società privata, ma solo a patto che venga rispettato lo statuto e la legalità”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top