Cronaca e Giudiziaria

Focaracci, vietato bruciare rifiuti

Avezzano si prepara ai fuochi in onore della Madonna di Pietraquaria e il Comune emana un’ordinanza ad hoc per prevenire la combustione di rifiuti abbandonati, nei luoghi di ritrovo della festa.

In località Chiusa Resta la polizia locale ha installato delle foto trappole per incastrare i trasgressori, mentre i residenti hanno recintato provvisoriamente l’area e hanno messo dei cartelli. Su cui si legge che chi abbandona rifiuti sarà denunciato. Dopo l’ultima riunione in Comune della commissione Ambiente, a guida di Crescenzo Presutti, cui hanno partecipato anche le associazioni ambientaliste, è stato preso atto che soprattutto l’anno scorso, all’interno dei fuochi, è stato buttato di tutto.

Di contro, c’è anche chi in città chi si prepara ad accendere un nuovo tipo di fuoco, cioè fatto solo con legna acquistata. Come nei quartieri Madonna del Passo, Santo Spirito e Largo Angizia. Info: www.comune.avezzano.aq.it.

1 Comment

1 Comment

  1. domenico

    23 aprile 2014 at 0:22

    Come responsabile organizzatore del focaraccio del quartiere Largo Angizia, con molto rammarico, devo constatare e denunciare che nonostante tutte le prescrizioni e sanzioni previste al riguardo, chi ha sempre fatto il focaraccio in modo illegale senza rispettare le regole continua a farlo senza problemi e chi come il ns. quartiere che le ha sempre rispettate in pieno, provvedendo a realizzare il fuoco con sola legna acquistata, è costretto a non poterlo più fare perchè il comune da quest’anno a deciso di non provvedere più a ritirare i residui dei fuochi costringendoci a doverlo fare autonomamente ma con l’impossibilità di conferire tali residui presso le isole ecologiche perchè le stesse hanno dichiarato al comune di non accettare. In conclusione il risultato è che il comune che se ne è sempre occupato quest’anno se ne è lavato le mani, la Tekneco non vuole ritirare i residui e noi poveri cittadini del quartiere siamo rimasti con il cerino in mano che secondo loro dovremmo incaricare una ditta specializzata e autorizzata a trasportare il residuo e conferirlo in altri impianti fuori comune con costi che è impossibile sostenere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top