Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

“Finché c’è vita c’è speranza. A che punto è la desertificazione industriale marsicana?”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ancora in battaglia le rappresentanze sindacali per la difesa dei diritti dei lavoratori, persi di fronte alla drammaticità della crisi che sta mettendo a dura prova la nostra Marsica con una situazione di desertificazione industriale che non si credeva potesse divenire tanto estrema.

Ieri mattina nella Sala riunioni del Comune di Avezzano, i segretari dei sindacati Fim-Cisl, Antonello Tangredi, Fiom-Cgil, Alfredo Fegatelli e Uilm-Uil, Michele Paliani, con l’assessore al Lavoro, Sport e Agricoltura Francesco Paciotti, hanno tenuto una conferenza stampa, moderata dal presentatore locale Luca Di Nicola, per fare nuovamente il punto della situazione e per rassicurare la cittadinanza ed il lavoratori che non si intende mollare e continuerà l’opera sindacale di sostegno nonostante la situazione stia inevitabilmente volgendo al peggio. E’ sopratutto il caso della trafileria Pittini, ex Maccaferri, come ha ricordato Tangredi che riafferma la definitiva chiusura dello stabilimento nonostante la tenacia dei lavoratori attivi al presidio da ormai 122 giorni. “Qualsiasi confronto potrà solo alleviare le pene”, parole dure quelle di  Tangredi in riferimento al viaggio ad Osoppo, cittadina friulana sede aziendale della Pittini che sta per compiere il sindaco di Celano Filippo Piccone a cui i sindacati e gli ormai ex dipendenti della trafileria hanno consegnato l’ennesimo pacchetto di proposte per tentare una collaborazione con l’azienda che sia in grado di ricucire qualche “toppa”. Il primo cittadino celanese ha accettato con umiltà l’incarico e si farà portavoce ma egli stesso, non nel ruolo adatto a risollevare le sorti dell’azienda, è cosciente che poco ci sarà da contrattare.

Se Tangredi ha sottolineato l’importanza di mantenere unito il passo nell’azione sindacale e tenere viva l’attenzione sulla faccenda, Fegatelli, Fiom-Cgil, ha riconfermato tutte le intenzioni del collega ed ha sottolineato quanto non si possa ormai che  puntare agli  ammortizzatori sociali, stravolti anch’essi dalla riforma Fornero, senza i quali le condizioni dei lavoratori cadono nel disagio economico più totale non potendo essere presi più in considerazione nemmeno “palliativi” di sostegno come la valutazione di un esodo lavorativo o almeno il reddito della cassa d’integrazione. Fegatelli crede nell’ importanza di uno sciopero a larga partecipazione, d’accordo con i sindacati uniti e nell’avviamento di un tavolo di monitoraggio costituzionale su quanto si sta verificando. Dichiarazioni ribadite da Michele Paliani, Uilm-Uil, che chiede proposte dal sapore concreto affinchè i sindacati possano svolgere un lavoro proficuo. Nell’incontro si è affrontato anche un altro dramma, la locale Presider della famiglia Lombardi, colosso dell’acciaieria nell’Italia centro-meridionale, i cui operai sono da anni in cassa d’integrazione ma il cui bilico risulta quasi “nuovo” al pubblico, si tratta di un’emergenza che i sindacati intendono affrontare nell’immediato per evitare il disastro di altre 124 famiglie.

L’amministrazione, nella figura dell’assessore Francesco Paciotti, dichiara tutta la vicinanza alle famiglie, cosciente della gravità delle condizioni cui vivono ormai centinaia di avezzanesi che non hanno più solo un lavoro ma iniziano a non avere di che mangiare e si recano quotidianamente al Comune per chiedere aiuto.  Paciotti ha indicato come priorità la comunicazione tra Comune e aziende del territorio, tra i cui mali maggiori rimane l’eccessiva tassazione che spinge gli industriali a tagliare su tutti i costi, dunque sui dipendenti e beneficiare il più possibile degli sgravi fiscali limitando ancor più le ormai rare assunzioni ai possessori della l.407/90.

Un panorama sconfortante che lascia l’amaro in bocca e nemmeno quello, se non si individuano vie d’uscita al più presto ma i sindacati promettono nuove mosse…

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top