La bussola della salute

FESTA DELLA DONNA: IL MENU’ PER L’OVAIO POLICISTICO

8 Marzo festa della donna: l’articolo si tinge di rosa con una dedica speciale a tutte quelle donne che soffrono della policistosi ovarica, conosciuta anche come sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

La PCOS è una condizione patologica la cui eziologia non è, purtroppo, imputabile a una causa certa, nonostante risulti sempre più accreditata l’ipotesi genetica ed è frequente nel 5-10% della popolazione femminile in età fertile. Il quadro clinico interessa:

l’apparato genitale femminile: le ovaie sono di dimensioni più grandi della norma e presentano all’interno cisti multiple di piccole dimensioni, ovvero follicoli che non hanno completato la corretta maturazione;

il sistema ormonale: le alterazioni endocrine portano ad un incremento della produzione di ormoni maschili (responsabili della peluria e dell’acne) irregolarità del ciclo mestruale e obesità;

le alterazioni metaboliche: come l’insulino-resistenza, l’intolleranza glucidica, il diabete mellito, le dislipidemie, il maggior rischio cardiovascolare e l’ipertensione.

In questo particolare ambito, l’alimentazione può essere un alleato prezioso, poiché una dieta controllata e bilanciata permette, non solo, di perdere peso qualora ce ne fosse bisogno, ma anche di normalizzare i livelli di insulina, ormone che è in grado di influenzare la produzione di androgeni ed estrogeni nell’arco del ciclo mestruale. Di cosa si compone il menù di chi soffre dell’ovaio policistico?

  • la colazione, che non deve mai mancare, si arricchisce di frutta secca, di fibre, di vitamine e sali minerali;
  • il pranzo deve contenere sempre con una piccola quota di carboidrati (pasta integrale e cereali), proteine vegetali (legumi) abbondante verdura, frutta senza eccedere e olio extravergine di oliva, come condimento.
  • la cena deve essere composta da cibi leggeri ad alta digeribilità come una modesta porzione di verdura e una piccola porzione di proteine animali, utilizzando sempre l’olio extravergine come condimento.
  • I condimenti vanno regolati, facendo attenzione al consumo di zucchero e di grassi (riducendo quelli saturi).
  • Per la cottura, è bene preferire  il vapore, la griglia o la piastra che preservano il gusto e la digeribilità degli alimenti.

La correzione dei sintomi della policistosi ovarica attraverso l’alimentazione deve diventare una formula routinaria per la donna che soffre di questa patologia e non essere limitata nel tempo, perché il cibo può essere la nostra cura o la nostra malattia.

FONTI

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top