Cronaca e Giudiziaria

Ferrovie: D’Alfonso incontra Rfi per ‘velocizzazione’ Abruzzo

Potenziamento e velocizzazione della mobilità ferroviaria abruzzese al centro di un incontro tra il neo presidente di Regione, Luciano D’Alfonso, che detiene anche la delega ai Trasporti, e rappresentanti di Rfi e Trenitalia. Tre gli obiettivi strategici per il governatore: la direttrice Pescara-Bologna, sulla linea Adriatica, la Pescara-Roma e la Pescara-L’Aquila.

All’incontro, negli uffici della Regione a Pescara, hanno preso parte, oltre a D’Alfonso, il direttore territoriale produzione Rfi Marche, Abruzzo e Molise, Marco Frittelli, il direttore della direttrice Adriatica di Rfi, Paolo Pallotta, il direttore regionale di Trenitalia per Abruzzo e Molise, Cesare Spedicato, e Antonietta Picardi, dirigente del settore Trasporti della Regione. «Uno dei tre obiettivi – ha spiegato D’Alfonso – è l’appalto dei lavori relativi all’aumento della velocità ferroviaria della direttrice Pescara-Bologna fino ad arrivare a 200 chilometri orari, contro i 150 attuali.

Le risorse finanziarie, 350 milioni di euro, ci sono e anche il progetto c’è, ma va adeguato; si tratta di porli in essere come procedura di appalto. Ci sono dei cognomi e degli uffici che vanno pungolati e io mi ritengo un ‘Fra Galdinò che è capace di fare questo. In ogni caso, mi hanno confermato che le attenzioni ci sono». Sulla Pescara-Roma l’ipotesi è «realizzare una serie di piccoli accorgimenti per aumentare la velocità in corrispondenza delle stazioni che rappresentano sempre punti critici e per fare in modo che si riduca il tempo di percorrenza. »Riusciamo a perdere 50 minuti di tempo di percorrenza – ha sottolineato il governatore – riducendo il numero delle fermate, completando il lavoro del controllo centralizzato, facendo in modo che si realizzino deviatoi di ultima generazione, modificando anche il materiale rotabile con assetto variabile«. Per quanto riguarda la Pescara-L’Aquila l’idea è »riportare in servizio il tracciato ferroviario in uso alle officine e ai cantieri di Rfi di Pratola Peligna.

Facendo Pescara-Pratola-L’Aquila si riesce a concludere il tutto in un’ora e 20 minuti, mentre oggi ci vuole un tempo ciclopico«. Oggi, inoltre, è stato sottoscritto »l’ulteriore seguito dell’intervento che punterà ad allineare e armonizzare le esigenze produttive di Fiat con la stazione di Fossacesia (Chieti), grazie al passaggio di vagoni ferroviari con una lunghezza su misura della capienza che serve all’azienda. Sono convinto che Marchionne tornerà a misurare l’adeguamento che ha realizzato il sistema Abruzzo – ha concluso il governatore – rispetto alle esigenze produttive del suo apprezzatissimo stabilimento ormai di significato mondiale«.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top