Italia

Federauto, Italia -52% media Europea

«La nostra ripresina, in marzo, è pari al -52% della media europea. Un abisso. Questo con l’aggravante che il segno positivo davanti al dato italiano è determinato dal rinnovo stagionale del parco dei noleggiatori, perchè la domanda dei privati, e quindi delle famiglie, langue, arranca, segna il passo».

È quanto sostiene Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, l’associazione che rappresenta i concessionari di tutti i marchi commercializzati in Italia di auto, veicoli commerciali e autobus. «Mi rivolgo adesso – dice Pavan Bernacchi – agli ‘spacciatori di ottimismò; non è dichiarando che c’è una ripresa, che si alzano i consumi dei prodotti e servizi. Noi non siamo pessimisti ma abbiamo i piedi per terra e le condizioni socioeconomiche per una ripresa nel nostro Paese ancora non ci sono.

Se anche il mercato dell’auto nel 2014 si alzasse del +10%, cosa molto difficile, torneremmo circa a 1.400.000 vetture. Volumi assolutamente non consoni a un Paese come l’Italia. Qualcuno – conclude Pavan Bernacchi – ci dice ‘basta fare i pessimisti, prendete atto della situazione e adeguatevì. No, non ci adeguiamo, e chiediamo alle Istituzioni di rivedere le normative per alleggerire la pressione fiscale sugli automobilisti, privati e imprese, per rilanciare i consumi e sostenere così il mondo del lavoro».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top