Politica

Farmacia comunale, Rosa: “Operazione eccellente, riacquisito il bene e salvaguardati i dipendenti”

Il consiglio comunale approva la risoluzione del rapporto con l’Afm, azienda farmaceutica municipalizzata del comune di L’Aquila, gestore della farmacia comunale sita in Borgo Angizia, avviando la risoluzione di un problema ormai annoso. Sull’argomento è intervenuto il consigliere di maggioranza Leonardo Rosa, delegato agli affari legali dal sindaco Giovanni Di Pangrazio: “un’operazione che rientra pienamente nella logica di spending review e che passa attraverso l’ottimizzazione delle risorse. Dopo un’analisi approfondita di tutti i risvolti della vicenda posso senz’altro affermare che abbiamo raggiunto un risultato importante per la città, grazie al quale eliminiamo i contenziosi legali con le relative spese e rientriamo in possesso del bene con possibilità di rimetterlo sul mercato con resa migliore. Inoltre, – prosegue Rosa – a seguito di analisi tecniche ed economiche, si potrà valutare di cedere il bene, nei termini di legge possibili e al massimo profitto e, i dipendenti attualmente in forza, non verranno abbandonati ma saranno riassorbiti dall’Afm”.

Sulle polemiche del consigliere Santomaggio intervengono, poi, l’assessore competente Luca Angelini e il gruppo di lavoro dedicato, composto dai consiglieri Ignazio Iucci, Gianfranco Gallese e Lino Cipolloni, che hanno seguito scrupolosamente l’iter: “Quanto afferma è più che mai inopportuno, se si pensa che fin ora la gestione della struttura, da parte dell’azienda farmaceutica municipalizzata del comune di L’Aquila, è risultata essere la tra le peggiori di tutte le farmacie guidate dalla stessa Afm. Con questo provvedimento mettiamo fine ad una gestione improduttiva e togliamo una dolente spina nel fianco di Avezzano – proseguono – e lo dimostra il grande lavoro svolto dal sindaco Giovanni Di Pangrazio in costante prima linea con il comune di L’Aquila e dal nostro gruppo di lavoro che è arrivato, attraverso un’analisi dettagliata di tutta la documentazione, alla decisione più giusta nel pieno interesse della popolazione. Al consigliere di minoranza sfugge, inoltre, che questo sarà un accordo che andremo a siglare proprio dinanzi al giudice, ad estrema garanzia della correttezza del lavoro svolto. Continueremo più compatti di sempre – concludono – verso questa che è senz’altro la direzione migliore per il recupero e il rilancio di una struttura centrale per il quartiere di Borgo Angizia e per l’intera città”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top