Cronaca e Giudiziaria

Esplosione Paolelli, titolare sotto choc

«Non riusciamo a capire cosa sia successo». È quanto hanno detto i sopravvissuti della fabbrica di fuochi d’artificio a Tagliacozzo, in località San Donato, ai primi soccorritori. Sergio Paolelli, in preda a un vero e autentico choc, continuava a ripetere «Dio mio, Dio mio», gettato in un angolo per terra. Lo stupore dei sopravvissuti si mischiava con quello dei primi soccorritori tra vicini e conoscenti per i quali l’azienda Paolelli era «assolutamente rigorosa e molto esperta, e con tutte le regole a posto». Al momento non si sa ancora se la fabbrica pirotecnica dei Paolelli fungesse anche da deposito giudiziario, ma al Comune di Tagliacozzo è trapelata la voce che i Paolelli avessero chiesto un aumento della quantità di esplosivo da detenere per alzare la soglia di sicurezza.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top