Giudiziaria

Esplosione Paolelli, svolta la riunione per coordinare i soccorsi

Ha piovuto tutta la notte e al risveglio Tagliacozzo ha trovato una giornata tipicamente autunnale, fredda e umida: il giorno dopo la tragedia di San Donato con i due morti e un disperso, anch’esso quasi sicuramente deceduto, causati dalla deflagrazione della fabbrica di fuochi d’artificio Paolelli, la gente si interroga su cosa sia potuto accadere. Questa mattina in comune alle 10.00 riunione fra tutte le forze operanti sul posto per decidere come operare sull’area dell’esplosione. Da Siena è arrivato il perito nominato dalla procura di Avezzano, il maggiore dei paracadutisti Paride Minervini, esperto balistico che già nel 2006 si era occupato dello scoppio della fabbrica di fuochi d’artificio di Cerchio (L’Aquila), dove morì una persona e tre rimasero ferite. Il fatto che tutta l’area sia impregnata di pioggia non dovrebbe facilitare le operazioni di bonifica intorno ai due corpi individuati e per la ricerca del terzo disperso: spetterà infatti agli artificieri capire se tra le sostanze sparse sul terreno ce ne siano anche alcune particolarmente pericolose per l’innesco con l’umidità. I corpi da recuperare sono quelli di Antonio Morsani, Antonello D’Ambrosio, e del figlio del titolare Sergio Paolelli, Valerio. In ospedale ad Avezzano sono ancora ricoverati per ferite lievi due operai della fabbrica, l’algerino Kedhia Sofiani, e il napoletano Onofrio Pasquariello. Sciolto in serata il dilemma della presunta presenza sul luogo di un misterioso tecnico tedesco: si tratta di Aurelio Chiariello, chimico di origine catanese ma residente in Austria, per questo soprannominato ‘il tedescò. Anche lui è ancora ricoverato in ospedale.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top