Cronaca e Giudiziaria

Elezioni regionali 2014, i dati della Regione sarebbero sbagliati, i conti non tornano

Non c’è pace all’Emiciclo ed emerge proprio in queste ore una voce inquietante: i dati forniti dal servizio della Regione Abruzzo sarebbero sbagliati di diverse migliaia di voti.
Una discrepanza tale da “far saltare” quasi tutte le certezze che si erano radicate finora sugli eletti in cosiglio regionale.
Siamo ormai a due settimane dal voto ed a 10 giorni dalla fine dello scrutinio e la Corte d’Appello de L’Aquila avrebbe avuto i riconteggi di tutte le sezioni di Teramo, L’Aquila, Pescara e Chieti.
Il dato che balza subito all’occhio è che questo dato non somiglia affatto a quello fornito dalla Regione Abruzzo a fine scrutinio; da qui si evince che gli “eletti” ballerini sono sempre più in bilico e sempre da qui si capisce come numerosi esponenti di partito stiano pensando, una volta proclamati gli eletti, a ricorsi lampo su riconteggi o problematiche di varia natura sulle liste che hanno partecipato alle votazioni.
Sembrerebbe, inoltre, che in alcuni seggi di Chieti siano state conteggiate male le preferenze della candidata Presidente del MoVimento 5 Stelle Sara Marcozzi, presente anche come capolista nella circoscrizione teatina.
Ci sarebbero molti voti assegnati come presidente scambiati come preferenza personale tali da far ballare la sua elezione.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top