Connect with us

Politica

Elezioni, Casciere: “Di Pangrazio non è più disponibile al confronto in Piazza Risorgimento”

Pubblicato

on

Avezzano – “Gianni Di Pangrazio non parteciperà al confronto tra i candidati alla carica di sindaco di Avezzano il 14 maggio. Questo è l’elemento più importante emerso nella giornata di ieri, in cui si sono susseguiti vari accadimenti di cui diamo di seguito riferimento.

Prima di tutto ci preme chiarire e ricordare come lo staff di Leonardo Casciere si fosse fatto carico dell’organizzazione del confronto dopo che tutti i candidati alla carica di sindaco di Avezzano avevano fornito il loro consenso e dichiarato la partecipazione (Gianni Di Pangrazio compreso).

L’organizzazione da parte dello staff di Casciere riguardava e riguarda soltanto l’aspetto logistico, nulla ha a che fare con regole ed argomenti trattati, che saranno decisi dal giornalista moderatore del confronto (persona al di sopra delle parti) in totale indipendenza. Proprio per discutere tutti insieme sulle modalità di svolgimento e regole del confronto, è stato convocato nella mattinata del 5 maggio, un incontro tra i delegati di tutti i candidati e il giornalista de “Il centro” Roberto Raschiatore, designato come moderatore.

All’incontro si sono presentati i rappresentanti di tutti i candidati ad eccezione di quello di Gianni Di Pangrazio, nonostante i numerosi solleciti fatti al delegato del suo staff. Costatata la non volontà del sindaco uscente di partecipare alla riunione personalmente o tramite delegato, i partecipanti hanno deciso di aggiornarsi alla mattina del 6 maggio, quando si terrà un nuovo incontro per delineare la situazione, una volta chiarita con certezza la posizione di Gianni Di Pangrazio.

Nella tarda mattinata, una missiva del sindaco uscente comunicava di fatto il suo rifiuto a partecipare al confronto, adducendo motivazioni legate alla sicurezza, a questioni di opportunità e alle regole che non possono essere decise da un solo candidato (nel presente caso Casciere). Desideriamo, a questo punto, fare le dovute precisazioni sulle questioni portate a giustificazione da Di Pangrazio.

Regole e imparzialità del confronto: come detto in precedenza, lo staff di Leonardo Casciere si è occupato solo dell’organizzazione dell’aspetto logistico. Le regole di ingaggio saranno di competenza del giornalista moderatore e dovranno essere decise congiuntamente a tutti i rappresentanti dei candidati sindaco. Proprio a questo serviva l’incontro di questa mattina, tutti coloro che erano presenti posso confermare come nessuna regola fosse stata preconfezionata dallo staff di Casciere.

Aspetto della sicurezza: viene espressa preoccupazione sul fatto che sarebbe difficile garantire la sicurezza in piazza Risorgimento per un evento con afflusso ingente di persone, con il pericolo di episodi sconsiderati, per questo sarebbe meglio organizzare il tutto in un luogo diverso e al chiuso. A questo punto ci sorgono alcune considerazioni: Che considerazione hanno il sindaco uscente e il suo staff dei cittadini di Avezzano, visto che non li ritengono in grado di partecipare con civiltà e sano interesse ad un evento politico?Avezzano è quindi una città dove non è possibile garantire l’ordine pubblico per un evento in piazza? Cosa impedirebbe a dei facinorosi di poter dar luogo ad episodi indesiderati in un ambiente chiuso?

L’ambiente chiuso (Teatro, sala conferenze….) avrebbe la grande forza di limitare la platea e di poter riempire ogni ordine di posto con persone “amiche”, capiamo che potrebbe essere una panacea per chi il confronto lo teme. Noi invece vorremmo un confronto davvero aperto, un confronto cui possano assistere TUTTI I CITTADINI, di tutte le correnti politiche e a prescindere dal candidato per il quale simpatizzano.Restiamo della convinzione che il confronto debba esserci e debba essere ad AMPIA PARTECIPAZIONE POPOLARE.

Abbiamo ricevuto anche un’altra comunicazione da parte del candidato Gabriele De Angelis, contenente riflessioni riguardo l’opportunità del confronto; al momento non abbiamo alcun commento in merito, visto che potremmo chiarire e confrontarci sull’argomento della giornata di domani. Oggi (6 maggio) ci sarà un nuovo incontro tra i rappresentanti dei candidati sindaco (ad eccezione del rappresentante di Gianni Di Pangrazio, a meno di sorprese), in cui si farà il punto della situazione alla luce degli ultimi accadimenti”.

Leonardo Casciere ha commentato con le seguenti parole il rifiuto di Gianni Di Pangrazio al confronto pubblico tra i candidati alla carica di sindaco di Avezzano: “Ho appena ricevuto da Gianni Di Pangrazio una missiva con la quale comunica che non intende partecipare al confronto pubblico indetto per il 14 maggio, dal momento che paventa che non vi siano regole condivise, che l’organizzazione dovrebbe essere neutra e non promossa unilateralmente da un singolo comitato elettorale. Mostra, inoltre, timore che non possa trattarsi di un sereno confronto, potendosi trasformare il dibattito in uno scontro tra “opposte tifoserie”.

Premetto che questa mattina tutti i comitati elettorali sono stati invitati, ed hanno partecipato, ad un incontro presso la mia sede per definire le modalità, le regole e l’obiettività del confronto. Purtroppo, Di Pangrazio ha ritenuto di non dover far partecipare chicchessia, nonostante pressanti inviti rivolti al suo staff. Dispiace costatare che, nonostante ”la rinnovata amicizia e stima”, possa il Di Pangrazio ritenermi soggetto dedito a rimestare nel torbido, indirizzando il confronto per miei interessi politici. Perché ciò è quel che si argomenta dal suo scritto ed è, questo, un gravissimo errore di valutazione.

Se il Di Pangrazio avesse avuto l’accortezza di far partecipare qualcuno, avrebbe potuto avere notizia che il tutto si sta svolgendo nella più perfetta sintonia con gli altri comitati, i quali hanno potuto costatare che nulla di preconfezionato vi era e che tutte le modalità sono in itinere per la condivisione generale, essendo state, le regole, demandate totalmente al giornalista che doveva condurre il confronto e che, da tutti, è stato ritenuto uomo obiettivo e di sicura lealtà nei confronti di tutti i candidati sindaco.

Ho sollecitato con insistenza il confronto in pubblico perché i cittadini potessero avere contezza delle idee, dei programmi, dei presupposti per il rilancio della città, senza precludere a nessuno la possibilità di costatare direttamente la validità delle idee. Evidente che in un luogo chiuso la limitazione della partecipazione è in re ipsa.

La scappatoia, anche se elegante, per sottrarsi al dibattito pubblico è di evidenza lapalissiana. Lo ringrazio per l’invito al confronto tra i candidati organizzato da “Libera”, precisando che già ero stato invitato dagli organizzatori ed avevo dato la mia immediata disponibilità a partecipare. Il dibattito lo terremo comunque e avremo una nuova riunione per definire le regole con i rappresentanti di tutte le altre coalizioni”.

Politica

Aielli, arrivano i fondi per ristrutturare la palestra comunale

Pubblicato

on

Aielli – Arrivano 270.000€ per ristrutturare ed adeguare sismicamente la palestra comunale . Soddisfazione espressa dal sindaco Enzo Di Natale che dichiara “un finanziamento importante che ci permetterà di rendere sismicamente sicuro un edificio strategico ed importante per il nostro paese. È un edificio che da tre anni ospita molte attività sportive oltre che le attività scolastiche. Fondamentale la messa in sicurezza perché fisicamente ubicato a pochissima distanza dalla scuola e perché il futuro potrà essere utilizzato come base e centro di raccolta per qualsiasi emergenza. “

Continua a leggere

Politica

Massimo Verrecchia e Settimio Santilli aderiscono a Fratelli d’Italia

Pubblicato

on

Celano – L’onorevole Massimo Verrecchia e il sindaco di Celano, Settimio Santilli, hanno aderito a Fratelli d’Italia. Il coordinatore regionale Etel Sigismondi ha dato loro il benvenuto nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta all’Aquila alla presenza del sindaco, Pierluigi Biondi e del senatore di Fratelli d’Italia, Marco Marsilio .“Una decisione maturata dopo incontri tenuti sin dalle elezioni politiche e dopo aver apprezzato la linea di Giorgia Meloni in occasione di Atreju dove ha manifestato la volontà di ricostruite il centrodestra con un grande movimento che metta al primo posto la patria e l’identità” ha dichiarato Massimo Verrecchia.

Continua a leggere

Politica

Elezioni regionali: Casciere, Morgante e Angelosante scendono in campo con la Lega

Pubblicato

on

Marsica – Dopo i rumors dei giorni scorsi, i candidati marsicani della Lega alle prossime elezioni regionali escono allo scoperto confermando la propria candidatura. Si tratta di Leonardo Casciere, Antonio Morgante (nomi già anticipati da Marsicanews) e Simone Angelosante. Lo hanno annunciato tutti attraverso i social network.

“Ho l’onore e l’orgoglio di comunicare a tutti voi, amici, che sarò candidato con la Lega per le prossime elezioni regionali del 10 febbraio 2019. Oggi comincio una bella ed entusiasmante battaglia! Tra la gente, ascoltando, cercando di immaginare e di proporre soluzioni per il nostro Abruzzo. Ci sarà molto da fare per ridare dignità alle aree interne e rilanciare il nostro tessuto economico, consentendo finalmente ai nostri figli di restare e non essere costretti ad andare via. Vi chiedo scusa sin d’ora se cederò alla tentazione di postare messaggi politici: cercherò di farlo il meno possibile, utilizzando per questo la mia pagina ufficiale (https://www.facebook.com/antoniomorgante71/), che vi invito a seguire”. Ha scritto l’avvocato Antonio Morgante, ex Forza Italia e già braccio destro del governatore Chiodi.

“Senza (inutile) retorica e con estremo pragmatismo posso confermare di essere candidato alle prossime Regionali con la LEGA-SALVINI PREMIER. Un vanto rappresentare la Lega e un impegno risoluto per riconquistare la Regione”, ha scritto Leonardo Casciere, avvocato del foro di Avezzano e assessore comunale nella giunta De Angelis.

Scende in campo anche il sindaco di Ovindoli Simone Angelosante, medico di professione, che lo ha annunciato con queste parole: “Cari amici, vi comunico con orgoglio ed umiltà che sono candidato alle prossime elezioni regionali abruzzesi. Sarà una battaglia emozionante che porterà sicuramente anche in Abruzzo la rivoluzione di Matteo Salvini. L’amore per la nostra terra sarà il mio faro. Con il vostro aiuto tutto sarà possibile”.

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Elezioni regionali: la Marsica scalda i motori, ecco il toto nomi…

Pubblicato

on

Avezzano – La marsica scalda i motori in vista delle prossime elezioni regionali del 10 febbraio 2019. Pronti a scendere in campo tra le fila della Lega gli avvocati Leonardo Casciere, assessore al comune di Avezzano, e Antonio Morgante, ex Forza Italia e già braccio destro del governatore Chiodi. Non ci sarà, invece, Maurizio Di Nicola che potrebbe sostenere la candidatura del consigliere provinciale Alfonsino Scamolla, suo fedelissimo. Salta questa tornata elettorale anche il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Gianluca Ranieri, pronto a farsi da parte per lasciare la candidatura in Regione all’attivista Giorgio FedeleTra le new entry troviamo anche l’ex sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, con il neo movimento civico Avanti Abruzzo, e Mario Qualglieri, ex sindaco di Trasacco che ha lasciato la poltrona di primo cittadino per tentare la corsa alle elezioni regionali con Fratelli d’Italia. Tra i dem è pronto a ricandidarsi il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, in attesa di una deroga per il suo terzo mandato in Regione. Sicura anche una seconda discesa in campo dell’assessore Lorenzo Berardinetti che correrà ancora una volta in veste civica. Tra i volti noti ci sarà anche il consigliere di Forza Italia Emilio Iampieri. Lavorano alla candidatura Michele Fina, tra i grandi esclusi alle politiche del 4 marzo nonostante il pressing dell’allora guardasigilli Andrea Orlando, e Lorenza Patrizia Panei, presidente di Aciam e già candidata, senza successo, all’uninominale alla Camera. Tentato, infine, dalla candidatura in Regione anche il sindaco di Aielli, Enzo Di Natale, che però non ha ancora sciolto la riserva circa una sua discesa in campo.

Continua a leggere

Politica

Il Movimento 5 Stelle Abruzzo incontra i cittadini di Avezzano e della Marsica

Pubblicato

on

Avezzano – Il Movimento 5 Stelle Abruzzo ha incontrato i cittadini di Avezzano e della Marsica. L’evento si è svolto lo scorso sabato all’Auditorium A.P.C. presso la biblioteca regionale. Nel corso dell’incontro si è parlato del futuro dell’Abruzzo in vista delle prossime elezioni regionali che, per il movimento, vedono candidata Sara Marcozzi. E’ stato illustrato anche quanto già realizzato dal governo centrale rispetto ai punti del contratto, primo tra tutti il reddito di cittadinanza. Tanti gli argomenti trattai: sanità, giustizia, giornalismo. Ad incontrare i cittadini di Avezzano sono stati i portavoce eletti in Parlamento, in Regione e al comune di Avezzano. Erano presenti i senatori Primo Di Nicola e Gabriella Di Girolamo, i consiglieri regionali Sara Marcozzi e Gianluca Ranieri, il consigliere comunale Francesco Eligi e l’attivista Giorgio Fedele. E’ stata affrontata anche la questione Lfoundry rispetto alla quale il Movimento 5 Stelle si è impegnato con il Ministero dello Sviluppo Economico e del Lavoro retto proprio dal leader Luigi Di Maio, al fine di risolvere ed allontanare lo spettro di una crisi aziendale. L’incontro rientra nell’ambito dell’iniziativa “Cambiamo l’Italia, cambiamo l’Abruzzo”.

Continua a leggere

Politica

Celano. Collaudo scuola e piano prevenzione corruzione, Calvino Cotturone: “Altre anomalie”

Pubblicato

on

Celano – Un’Amministrazione fatta da sole ombre. Così definisce quella celanese il segretario del locale circolo Pd, Calvino Cotturone. “Alle già gravi vicende avvenute si aggiunge una ipotesi di corruzione”. Secondo il Segretario, vi sarebbe un’anomalia anche nella nomina del collaudatore.

“Dopo il grave reato di turbativa d’asta, che il sostituto procuratore Roberto Savelli ipotizza, per i consiglieri Filippo Piccone, Barbara Marianetti ed il segretario generale Giampiero Attili, alle vicende poco chiare che riguardano favoreggiamento, appalti, contributi assegnati, annullamenti di gare e di affidamento lavori per vizi di legittimità; si aggiunge anche una ipotesi di corruzione.

Chi è il responsabile del “Piano triennale di prevenzione della corruzione” nel comune di Celano Speriamo che almeno lui non abbia procedimenti in corso”, afferma il segretario cittadino del Pd Calvino Cotturone, che incalza: “Se anche lui rientrasse in queste vicende ci troveremmo di fronte al singolare caso che chi deve attuare misure di contrasto e prevenzione alla corruzione sia a sua volta coinvolto. Sarebbe il colmo! Secondo l’accusa della Procura di Avezzano”, spiega Cotturone, “questa volta la ditta incaricata di costruire l’edifico scolastico Gabriele D’Annunzio “indebitamente retribuiva pubblici funzionari del Comune di Celano acquistando, su loro indicazione, le finestre cui dotare l’immobile, vendute da una società di Avezzano”. Il segretario cittadino del Pd Calvino Cotturone “riscontra un’altra anomalia sulla vicenda scuola. Il 10.10.2018 viene pubblicato un avviso pubblico, con scadenza il 15.10.2018, per la disponibilità a ricoprire l’incarico di collaudatore tecnico-amministrativo della scuola primaria Gabriele D’Annunzio. Il collaudo, ricordiamo al Sindaco Settimio Santilli e al consigliere delegato ai lavori pubblici Filippo Piccone, deve avvenire contestualmente all’avvio dei lavori onde poter consentire al tecnico incaricato le attività di controllo e verifica degli aspetti tecnico-economici e amministrativi dell’opera. A Celano invece si fa circa 360 giorni dopo, ad un anno dall’inaugurazione ed addirittura dopo che la scuola è regolarmente frequentata da bambini e da tutto il personale scolastico. A questo punto ci si chiede che senso abbia avviare una attività di collaudo oggi?

Per questi motivi chiediamo al Sindaco Settimio Santilli a cosa serve il collaudo, non solo tecnico, ma anche economico effettuato così tardivamente? E’possibile conoscere il nome del responsabile del “Piano triennale di prevenzione della corruzione” per il comune di Celano?”

Continua a leggere

Politica

PD Avezzano, progetto ZES: “Fare quadrato per Marsica e regione”

Pubblicato

on

Marsica – “Oggi l’Abruzzo presenta due volti ben distinti e differenti del proprio tessuto imprenditoriale. Uno costituito da grandi aziende, solide ed attive su tutti i mercati, che riesce a fatturare cifre importanti, in continua crescita e ben allineato alla ripresa in atto.

Poi ce n’è un secondo costituito dalla micro impresa che, pur costituendo il 90% delle imprese regionali, ha forti problemi di concorrenzialità dei propri prodotti, soffre della contrazione del mercato interno e non riesce a trovare validi sbocchi nella vendita all’ estero.

Le aree interne abruzzesi, e la Marsica in particolare, appartengono a questa seconda categoria”. É la premessa da cui partono il segretario del PD di Avezzano Giovanni Ceglie e Aurelio Cambise per illustrare il progetto che vorrebbe l’istituzione di una ZES e sollecitare l’unità d’intenti e di forze per il rilancio e lo sviluppo della Marsica ma anche di tutta la regione. “Il Partito Democratico di Avezzano, con tutti i suoi riferimenti istituzionali ed organizzativi, oltre a farsi sempre portavoce di tali problematiche, ha anche suggerito le azioni per il rilancio delle medesime da un punto di vista imprenditoriale. Una di queste è stata la richiesta di una ZES”, spiegano i rappresentanti del PD avezzanese, “La ZES (Zona Economica Speciale della Regione Abruzzo) rappresenterà una grande opportunità, a patto che la sua istituzione e delimitazione sia supportata da un’idea strategica di sviluppo, che tenga conto delle peculiarità dei territori (le filiere produttive) e di quelli che sono i criteri indicati nel decreto legge che ne prevede l’istituzione.

L’istituzione della ZES deve necessariamente andare di pari passo con il Progetto del Corridoio Tirreno – Adriatico. Soltanto la trasversalità potrà dare sviluppo ai porti abruzzesi ed alle aree interne della nostra Regione.

La ZES è una grande occasione per tutta la Regione. Alla sua organizzazione occorre dare la giusta consistenza e collocazione, se vogliamo veramente cogliere tutte le opportunità.

La logica è quella di creare un’unica matrice economica tra porti e aree “Retroportuali” tra cui emergono l’Interporto di Avezzano e quello di Manoppello, che dovranno diventare effettivi snodi logistici ed industriali, importanti per l’intera Regione.

La ZES sarà inserita nel nuovo Corridoio Mediterraneo trasversale (tra i Porti di Barcellona, Civitavecchia, Pescara, Ortona, Vasto e Ploce) incrociando l’area metropolitana di Roma (secondo mercato nazionale), tre Aeroporti (Pescara, Ciampino e Fiumicino), tre Interporti (Orte, Avezzano e Manoppello), due Autoporti (Roseto degli Abruzzi e San Salvo), il Parco logistico di Roma Nord ed il Centro Amazon di Fiano Romano. Il Corridoio si avvale di una linea Autostradale e di una linea Ferroviaria che collega Civitavecchia, Roma, Pescara, Ortona e Vasto passando per la Marsica. Inoltre, al Corridoio possono far riferimento i numerosi Poli produttivi di Lazio e Abruzzo.

Nei giorni scorsi il Presidente Vicario della Regione Abruzzo Giovanni Lolli ed il Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio hanno presentato il Progetto che sarà sottoposto, nei prossimi giorni, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Un ringraziamento doveroso va all’Ingegnere Dott. Antonio Nervegna ed al sociologo Dott. Euclide Di Pretoro, i quali hanno saputo ben mettere a punto tutte le problematiche legate alla portualità, alla trasversalità, alle ZES e alla logistica: la loro passione, il loro impegno continuo supportato da una seria professionalità hanno fatto sempre sperare che qualche cosa di positivo ancora possa spuntare nella nostra Regione. E’ il momento di fare quadrato per la Marsica e per tutta la regione”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com