Calcio

E’ stato un Successo oltre ogni aspettativa la Terza Edizione del Calcio Sociale a Carsoli

La Comunità Passaggi (struttura sanitaria residenziale psichiatrica autorizzata ed accreditata con la Regione Abruzzo, con sede operativa in Oricola-AQ), all’interno delle attività riabilitative, va proponendo da anni ai loro ospiti la possibilità di giocare a calcetto con lo scopo di stare insieme, divertirsi, ma anche quello di praticare dello sport. Nel corso di tutto questo tempo, ragazzi e ragazze del territorio, con difficoltà di integrazione, si sono avvicinati giocando insieme , con la domanda implicita di un luogo che li potesse accogliere. Ed è in base a questo desiderio di accoglienza, che sono nate le giornate dedicate al Calcio Sociale svoltesi, anche questo anno, nell’attrezzatissimo centro sportivo delle “Sequoie”. ”Fare rete è fare gol”, è stato questo lo spirito ed il motto che ha animato le squadre partecipanti a questa terza edizione; una rete di solidarietà e unità per poter fare le scelte giuste nella vita. Si è cercato, insomma, di coinvolgere le istituzioni locali, le associazioni, cosi come le scuole.

Così grazie alla sinergia dei diversi parteners tra i quali: il Comune di Carsoli, l’associazione “Il mondo in una stanza2” di Carsoli, la Croce Rossa, l’A.S.D. Calcio Sociale di Roma, l’Associazione “Ricostruire Insieme” dell’Aquila, si è potuto organizzare tale iniziativa che partendo dall’ Aprile del 2012 ha dato modo di far partecipare una volta a settimana tutte quelle persone interessate. Dal 2005 un gruppo di educatori e tecnici sportivi sperimentano il modello del Calcio Sociale nell’ambito del torneo God is Love (GIL), che gode del patrocinio del Presidente della Repubblica e del Senato della Repubblica e, per il suo alto valore sociale, ha permesso alla S.S.D.R.L. Calciosociale di ricevere nel 2009 il prestigioso premio Coni Roma. Il regolamento è quello del calcio, ma ad arbitrare sono i capitani e i partecipanti osservano delle regole speciali, come quella che impedisce a un giocatore di segnare più di tre gol a partita e che induce quindi i più individualisti a mettersi al servizio della squadra, scoprendo la bellezza di lottare con i compagni per una causa comune. Il miracolo è che funziona: per chi lo pratica, il Calciosociale non è solo un modello di gioco, ma diventa uno stile di vita improntato ai valori dell’accoglienza, della giustizia e dell’amore per se stessi e per l’altro, che viene visto come “dono”. L’obiettivo è e rimane sempre quello di riuscire a realizzare un progetto che possa consolidarsi, al fine di poter divenire un luogo di incontro, di appartenenza e di integrazione per tutto il territorio della Piana del Cavaliere (comuni di: Carsoli, Oricola, Pereto, Rocca di Botte).

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top