Abruzzo

Droga: Blitz Polizia, i nomi degli arrestati

Le persone finite in manette nell’ambito dell’operazione “Drugs in the city” che ha sgominato un traffico di droga da Roma, Napoli e Perugia verso L’Aquila sono: Stepan Karp, 21 anni , ucraino domiciliato all’Aquila; Davide Celletti (20), nato in Colombia e residente all’Aquila; Elis Llambi (24), albanese domiciliato all’Aquila;Denis Nukaj (28), albanese domiciliato all’Aquila; Elton Llanaj (33), nato in Albania e residente a Perugia; Claudio Matuozzo (44), nato a Napoli, residente a Popoli (Pescara) e domiciliato a Tussio di Prata d’Ansidonia (L’Aquila); Patrizio Andolfi (37), nato e residente a Napoli; Redon Bega (23), albanese domiciliato a Roma. Costorno sono finiti in carcere. Domiciliari, invece, per Mirco De Meo anni, residente a Paganica (L’Aquila); Francesca Gallucci (21) aquilana residente nella frazione di Coppito; Daniele Lucciola (23), nato a Cassino (Frosinone) e residente a San Giorgio a Liri (Frosinone); Antonio Assettati (33), nato a Bucarest e residente a Roma; Nedy Munoz Trujllo (43), nata in Colombia e domiciliata all’Aquila; Fabrizio Pimpo (51), aquilano residente nella frazione di Tempera; Vincenzo Paolo Bevilacqua (23), nato e residente a Roma; Luigi Troise (38), nato a Napoli e domiciliato a Tussio di Prata d’Ansidonia (L’Aquila). Raggiunti infine dalla misura dell’obbligo di dimora: Andrea Barone (21), aquilano residente nella frazione di Aragno (L’Aquila); Marcello Sardella (20), nato e residente all’Aquila, Estefan Antony Martinez Mestra (20), colombiano residente all’Aquila.
Respinta la richiesta di arresto per un 21enne aquilano residente in una frazione del capoluogo. Nel corso della conferenza il dirigente della Squadra mobile della Questura Maurilio Grasso e il responsabile della Sezione narcotici, Nazzareno Buccella, hanno evidenziato come quello di Perugia fosse “un nuovo canale, una novita’ nell’approvvigionamento della droga, oltre a quelli classici di Roma e Napoli, con quantita’ piu’ alte rispetto al passato con due chilogrammi e mezzo di hashish e marijuana che arrivavano a settimana. L’attività di indagine – ha detto Grasso – ha evidenziato il consumo tra i giovani anche di droghe come la cocaina e pasticche di metanfetamine”. Le perquisizioni hanno permesso di rinvenire quantitativi minimi di hashish e marijuana, 2.500 euro di denaro contante, presunto guadagno dello spaccio, delle spade non regolarmente tenute.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top