Attualità

“Dopo di noi” è legge: si riaccende la speranza per la casa famiglia di Tagliacozzo

Con 312 voti a favore e 64 contrari è stato approvato in via definitiva dalla Camera il disegno di legge “Dopo di noi” per l’assistenza alle persone con gravi disabilità prive del sostegno familiare, in quanto sono venuti a mancare entrambi i genitori o poiché gli stessi non sono in grado di fornire un adeguato sostegno. Il testo modificato dal Senato, infatti, estende l’assistenza anche a persone disabili che, pur avendo ancora in vita i genitori, non possono beneficiare del loro sostegno. La legge prevede, oltre alle agevolazioni economiche con l’istituzione di un Fondo di assistenza, anche agevolazioni e sgravi fiscali per il patrimonio che i genitori decideranno di lasciare in eredità a parenti o a enti onlus per la cura dei loro figli, per polizze assicurative, trust e costituzione di fondi speciali, ma anche esenzioni d’imposta, successioni e donazioni per trasferimenti di beni e diritti reali, se destinati alla tutela delle persone con disabilità grave.

Il provvedimento, inoltre, favorisce la nascita di realtà già esistenti come case famiglie e appartamenti condivisi da ragazzi disabili per stimolare competenze per la gestione della vita quotidiana e rendere il disabile il più autonomo possibile. Una di queste realtà è rappresentata dalla casa famiglia “Dopo di noi” di Tagliacozzo che, grazie ai sacrifici dei genitori dei ragazzi, degli operatori e dell’associazione Anffas, ha lottato negli ultimi mesi per mantenere aperta la struttura, dal momento in cui è volto al termine il progetto sperimentale “Radar”, lo scorso aprile, finanziato dalla Regione Abruzzo. “Ci sono 4 strutture in Abruzzo che hanno aperto con il progetto radar e attendevano con ansia l’approvazione della legge – ha affermato il presidente dell’Anffas di Avezzano Domenica Di Salvatore – adesso è di fondamentale importanza il ruolo delle regioni e degli enti locali che dovranno stabilire le linee guida e gli aspetti amministrativi del provvedimento di legge ”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top