Altri articoli

Disoccupazione giovani sempre peggio; al top da 35 anni

I giovani rappresentano da sempre una delle categorie piu’ vulnerabili e la loro condizione nel mercato del lavoro diviene sempre piu’ critica. Nel 2012 il tasso di disoccupazione giovanile in Italia raggiunge il livello piu’ elevato dal 1977, pari al 35,3 per cento, in aumento di 6,2 punti percentuali rispetto a un anno prima e di oltre 11 punti rispetto al 2003. E’ quanto emerge dal rapporto Istat ‘Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”.

Nel 2012 permane il divario di genere, seppure in attenuazione rispetto al 2011: il tasso di disoccupazione giovanile delle donne italiane (37,5 per cento) supera quello maschile di 3,8 punti.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top