Attualità

Gruppi big in corsa per l’acqua della Sponga. Gli Amministratori: ”Massima collaborazione”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Canistro – Si è tenuta ieri l’attesa apertura delle buste con le offerte delle 4 aziende candidate ad ottenere la concessione dello sfruttamento della sorgente Sponga di Canistro. Con la Italiana Beverage dell’imprenditore Camillo Colella e la società Aqua srl dell’imprenditore avezzanese Mastrocesare, due competitor di rilievo: la Norda dei lecchesi fratelli Pessina, titolari di marchi nazionali come la Sangemini e la Monticchio Gaudianello, anche tra gli editori del quotidiano l’Unità, e un’Ati – associazione temporanea d’impresa – che con la Bruni industry Srl e la Edilcomar porta in campo anche investitori arabi. Tra i lavoratori “si trattiene il respiro”, ma comincia ad aleggiare una speranza rinvigorita.

“Il nostro unico interesse è che venga al più presto affidata questa concessione per ricreare un punto di riferimento economico e lavorativo nella Valle Roveto”, ha sottolineato il sindaco del Borgo, Angelo Di Paolo, a Marsicanews.

Il Sindaco rimarca che non vi sono pregiudizi nei confronti dell’ex patron Colella, e che dunque non vi sarebbero problemi se risultasse ancora il gestore aggiudicatario, purché “Paghi le tasse, come le pagano tutti i cittadini onesti”.

M.: Al riguardo, un’azione legale per ottenere quanto dovuto dall’Imprenditore?…

D.P.: “Io farò tutto ciò che mi è concesso dalla legge per ridare tranquillità al paese che rappresento”.

M.: Nel nuovo bando della concessione vi sono clausole particolari?

D.P.: “Si, il reinserimento-assunzione di almeno 50 operai”.

Quindi Colella, qualora vincesse, dovrebbe reinserire-assumere gli operai che ha licenziato?

D.P.: “Si penso proprio di sì, otto anni di cassa integrazione direi che possono bastare”.

Come mai sono stati concessi tutti questi  anni “di limbo” al gruppo Santa Croce?

D.P.: “Penso che tutti questi anni gli siano stati dati per fare in modo di fare assestare la società, aprendo nuovi mercati ed aumentando la produzione, con lo scopo poi di dare stabilità contrattuali a tutti gli operai”.

Tra l’altro, l’Amministrazione torna a sottolineare la massima disponibilità anche nell’attuare tutte le procedure utili all’individuazione di una nuova area dove installare un nuovo stabilimento.

“Il Comune offre la massima disponibilità alle possibili nuove aziende per eventuali modifiche al PRG, qualora fosse necessario, volte all’individuazione di una nuova area da adibire all’imbottigliamento, e la massima collaborazione”, ha  spiegato Ugo Buffone, sindacalista ed esponente di maggioranza al Comune di Canistro, “La stessa che più volte è stata espressa anche nei confronti dell’ingegner Colella ma con scarsi risultati; noi siamo onorati di aver avuto queste numerose offerte da gruppi così forti e prestigiosi come quelli letti oggi (ieri, ndr) pomeriggio in sede di apertura delle buste. É stato un giorno importante per la nostra terra. Nell’occasione vorrei ringraziare anche il consigliere regionale Maurizio Di Nicola per l’ottima legge regionale, a tutela dei Comuni, che prevede l’esclusione e il ritiro di concessione per le aziende che non versano regolarmente le tasse ai Comuni di appartenenza”.

Con il nome della società aggiudicataria della concessione si potrà finalmente delineare con maggiore chiarezza il futuro di tante famiglie. La dirigente del servizio Risorse del territorio e attività estrattive della Regione, Iris Flacco, presidente della commissione esaminatrice, ha fatto sapere che i lavori procederanno speditamente; sull’assegnazione della concessione, comunque, resta pendente il pronunciamento del Tar, cui si è rivolto Colella, che ha fissato l’udienza al prossimo 8 febbraio.

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top