Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Politica

DI Pangrazio: “Serve una politica di coesione e non di campanili”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Il Candidato consigliere del PD alle Elezioni Regionali, Giuseppe Di Pangrazio, ha partecipato ieri ad un incontro pubblico con i cittadini della Città de L’Aquila, presso il locale Dolce Vita. Di Pangrazio ha affrontato i nodi centrali del suo programma per l’Abruzzo, in particolare per la provincia aquilana, ribadendo la necessità di un’integrazione virtuosa tra l’area aquilana, della Valle Peligna, della Marsica e dell’Alto Sangro.

“Chi si candida a rappresentare i cittadini nell’istituzione regionale – ha sottolineato Di Pangrazio – ha l’obbligo di realizzare programmi politici che siano aperti al confronto tra le peculiarità e le diversità dei territori. Molto spesso l’operato va nella direzione opposta e miope, ossia quella del campanilismo, che tende a mettere a fuoco le necessità di un singolo centro, dimenticando il contesto entro il quale viene a collocarsi. Lo abbiamo visto con L’Aquila e l’aquilano: il terremoto ha colpito terribilmente la città, ma contemporaneamente ha riverberato il suo effetto sulle zone limitrofe e su tutta la provincia. Lo Stesso accade alla Valle Peligna e Sulmona. La crisi economica di quest’ultima si è ormai diffusa sui piccoli centri dell’intero territorio, rendendoli più fragili e disagiati.

“Non è più possibile una gestione amministrativa della cosa pubblica che si alimenti con l’esaltazione dei campanili. La continua lotta intestina tra i territori ha rallentato e limitato dannosamente aree di grande importanza strategica. Se vogliamo cercare seriamente di lavorare per i cittadini, è  necessario attuare una rivoluzione prima di tutto culturale, che tenda a far cadere ogni resistenza campanilistica in funzione di un’apertura all’integrazione tra i territori. Forti, questo deve essere il senso più profondo della politica di coesione territoriale – conclude Di Pangrazio – questo deve essere il senso più profondo dello spirito di una politica regionale”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top