Cultura

Di Fabio a Vagiti Ultimi. Da Padre in Figlio

‘’Vivevamo in Abruzzo e da casa si vedeva un treno in lontananza. Mio padre mi diceva: < (Alberto Di Fabio, ricordi del padre Pasquale).

Dal 26 luglio al 18 agosto prossimi torna la collettiva di arte contemporanea Vagiti Ultimi. La prestigiosa mostra d’arte contemporanea, tra gli eventi più importanti della Regione Abruzzo, giunta alla sua terza edizione, sarà allestita nel suggestivo spazio delle Cisterne Romane di Palazzo Duchi d’Acquaviva di Atri (TE).
Il tema che farà da filo conduttore alle opere pittoriche, fotografiche, scultoree, alle istallazioni e ai video art dei 30 artisti nazionali ed internazionali, è “Ante Mortem. Il processo nell’arte”. La collettiva di questa terza edizione, ospiterà l’omaggio a Pasquale Di Fabio, artista marsicano vissuto nel 900. Un omaggio particolarmente intenso e significativo, poiché alle opere di Pasquale saranno affiancate quelle del figlio Alberto. Due artisti abruzzesi, innamorati della loro terra, innamorati del loro lavoro. Un amore trasmesso di padre in figlio, in un processo che – come l’arte dei Di Fabio – si muove costantemente tra il materiale e l’immateriale.
Pasquale Di Fabio – il padre – artista di Avezzano, scomparso nel 1988, dopo una fase neorealista, approdò al “neo futurismo”. Fu amico a Roma di significativi esponenti dell’arte italiana del Novecento, quali Fazzini, Mastroianni, Dorazio, Turcato; scrittori come Silone, Lambertini, Di Genova. Parlava sempre al figlio di Mondrian, Fontana, Malevic, diceva: “Sono nostri dei. Lo sono stati e lo saranno sempre”. Pittore, scultore, mosaicista – dopo una breve fase neorealista – approdò all’astrattismo puro. Pasquale Di Fabio era un artista instancabile, votato alla ricerca costante di nuove espressioni. Lo studio per lui non era un mero esercizio intellettuale ma un bisogno che nasceva implacabile nella sua anima.
Alberto Di Fabio – il figlio – classe 1966, a dieci anni anni disegnava le montagne del paese abruzzese in cui è cresciuto; oggi è tra i più affermati artisti di arte contemporanea internazionale. ‘”Arte, Scienza e Filosofia, sono la principale fonte d’ispirazione nei miei lavori’’, dice l’artista parlando della sua poetica. Nelle sue opere, forme geometriche girano e vibrano in colori brillanti e puri, creando contrasti e scale armoniche, accostamenti sorprendenti che coinvolgono lo spettatore in visioni cinetiche extrasensoriali. Dipinge in acrilico sia su tela, che su carta di riso. Le opere su carta di riso, sono poi assemblate nelle personali istallazioni geometriche sospese nello spazio, come delle concatenazioni cellulari. I suoi lavori da sempre si relazionano alle teorie scientifiche, per una costante ricerca sulle realtà parallele che non si percepiscono a occhio nudo.
Vagiti Ultimi: Ideatore Luciano Lupoletti / Curatirce Daniela Martella (besmart@hotmail.it) Operatrice di Arti Visive Lavinia Isaila / Uff. Stampa Maria Serena Manco (msmnaco@yahoo.it).

Pasquale Di Fabio (1927-1998), pittore, scultore e architetto marsicano, dopo una breve fase d’impianto neo-realista, avviata nell’immediato dopoguerra, a partire dagli anni Cinquanta orienta la propria ricerca in direzione non figurativa elaborando un linguaggio marcatamente geometrico che applica sia alla ricerca pittorica che plastica. Attraverso questo percorso approda ad una personale versione della sintassi cine-visuale. Dagli anni Settanta inizia una produzione improntata sulla rigorosa analisi della luce, simboleggiata dalle bande cangianti, ascensionali, espressioni di una proiezione verso l’immaterialità spirituale. A Roma frequentò i principali esponenti dell’arte e della letteratura del Novecento – come Mastroianni, Fazzini, Calderara, Silone, Lambertini, Di Genova – che hanno arricchito ulteriormente il suo percorso di ricerca.
Ha tenuto mostre in tutta Italia e all’estero. Ha partecipato ai più prestigiosi premi di arte italiana.
Numerose sono le sue opere oggi conservate in musei, palazzi pubblici, piazze e chiese.

_____

Alberto Di Fabio nato nel 1966 ad Avezzano (AQ), vive e lavora a Roma e a New York. Tra le mostre personali ricordiamo: Gagosian Gallery Ginevra, Castel Sant’Elmo, Napoli, Fondazione Menegaz, Castelbasso (TE) (2014) Estorick Collection, London, Mairie du 4 arrondissement, Parigi (2013) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, di Roma, Palazzo Collicola Arti Visive, Spoleto (PG) (2012) la Gagosian Gallery di Londra (2002, 2007), di Beverly Hills (2004) di New York (2010), e di Atene (2011) la Galleria Pack, Milano (2005, 2007, 2010). Umberto Di Marino, Napoli (2004, 2007, 2011), Galerie Vedovi, Brussels (1996, 2003) il Kunstverein di Bregenz (1997) il Rupertinum di Salisburgo (1996).

Tra le principali mostre collettive ricordiamo: 2013 Procuratie Vecchie, Venezia, 2012 MAMbo Museo d’Arte Moderna, Bologna, 2011 National Gallery ,Dublino, Museo di Arte Contemporanea, Caserta,Napoli, Museo Ebraico di Venezia, 2010 CIAC- Centro Internazionale D’Arte Contemporanea, Castello Colonna, Genazzano, Roma, Palazzo Re Enzo, Pinacoteca Nazionale, Bologna, 2008, XV Esposizione Quadriennale d’Arte di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma, Museo Artium, Vittoria-Gasteiz, Museo Carlo Bilotti, Roma 2007 National Gallery of Modern Art, New Delhi, Victoria Memorial Hall, Calcutta, National Gallery of Modern Art, Mumbai, 2005 Beijing International Art Biennale 2005, PAN – Palazzo delle Arti, Napoli. 1993 The Drawing Center Museum, New York .

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top