Italia

Detenuto suicida, online l’odio degli agenti

È un sindacato non tra i più rappresentativi della Polizia penitenziaria, l’Alsippe, a scatenare su un tema tragico come i suicidi in carcere una assurda polemica. Sulla sua pagina Facebook, l’Alsippe ha ospitato commenti feroci (poi cancellati) di sedicenti agenti della Polpen a proposito del suicidio di Ioan Gabriel Barbuta, che si è tolto la vita nel carcere milanese di Opera, dove si trovava in seguito a una condanna in appello all’ergastolo da parte della Corte d’assise di Venezia per aver ucciso, nel giugno del 2013, un vicino di casa durante una rapina finita male. «Un rumeno in meno», «speriamo abbia sofferto» sono i commenti che li sintetizzano tutti. Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando ha convocato per oggi il capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria, Santi Consolo sulla vicenda, ma è stato lo stesso Dap a reagire subito in modo severo perché considera i post «un’offesa al lavoro di tutti gli agenti che tutti i giorni sono impegnati a salvaguardare le persone che hanno in custodia».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top