Cronaca e Giudiziaria

Depuratori, la lotta ora si sposta nella zona della Marsica Est

Fissata per giovedì 3 luglio alle ore 17,30 presso l’aula consiliare del Comune di Ortucchio una riunione operativa per studiare il superamento dei problemi che impediscono il completamento e la messa in funzione del depuratore consortile di Ortucchio-Gioia-Lecce. All’incontro, organizzato dai tre sindaci, dalle organizzazioni agricole territoriali, dal Comitato “Acqua Nostra” e dal Centro Giuridico del Cittadino hanno dato la loro adesione l’Ente d’Ambito, il Cam, la Provincia dell’Aquila, I sindaci di Trasacco, Luco dei Marsi e San Benedetto. “Dopo il concreto avvio del depuratore di San Benedetto- esordisce Gianvincenzo Sforza del Comitato “Acqua Nostra”- dopo che insieme alle istituzioni siamo riusciti a sbloccare la vicenda dell’impianto di Avezzano e programmare la sua messa in funzione fissata improrogabilmente il 19 luglio, è ora la volta di mettere mano e risolvere le problematiche legate all’impianto depurativo consortile di Ortucchio che rappresenta un tassello importante per garantire la corretta immissione di acqua depurata nei canali”.

“Nella riunione- conclude Sforza- insieme agli Enti e ai sindaci verranno affrontate tutte le problematiche relative a questa struttura che potrà essere avviata attraverso una sinergia tra tutte le componenti”. L’impianto di Ortucchio, che va a servizio anche degli altri due comuni per una potenzialità di 6mila utenze, è da anni fermo per problemi ascrivibili alla ditta realizzatrice, alla mancanza di fondi necessari per il suo completamento e alla poca volontà politica di risolvere la problematica. “ Come per San Benedetto e Avezzano- dichiara Augusto Di Bastiano del Centro Giuridico del Cittadino- anche nel caso di Ortucchio contiamo di essere determinanti per spingere gli Enti a dialogare tra di loro per trovare una soluzione al problema”. “Come associazioni agricole- afferma Stefano Fabrizi di Confagricoltura- non abbasseremo la guardia e insieme alle altre due associazioni dirette da Sforza e Di Bastianoche, che ormai sono diventate punto di riferimento per tutto il territorio, lavoreremo da pungolo per affrontare e risolvere una problematica che, se non risolta definitivamente, rischia di danneggiare l’intero comparto agricolo”. Oltre alla vicenda di Ortucchio nella riunione sarà affrontato il problema degli impianti di Luco e Trasacco. Quanti interessati, le cittadinanze coinvolte e gli agricoltori sono invitate a partecipare per proporre e consigliare.

1 Comment

1 Comment

  1. Tonino D'Amore

    1 luglio 2014 at 11:20

    L’emissività dell’ente gestore giammai sanzionata!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top